venerdì 02 dicembre | 23:50
pubblicato il 20/giu/2013 12:26

Papa: pregare non e' magia e Dio non e' uno 'stregone'

Papa: pregare non e' magia e Dio non e' uno 'stregone'

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 20 giu - Pregare non e' una magia e Dio non e' uno ''stregone'', ma un Padre vicino che ci ama. Questo il senso delle parole di papa Francesco che stamane, nel corso dell'omelia, in Santa Marta ha trattato il tema di Dio Padre cosi' come presentato da gesu' nei Vangeli.

Una messa, riferisce la cronaca della Radio Vaticana, concelebrata tra gli altri dal cardinale Zenon Grocholewski, e alla quale hanno preso parte un gruppo di collaboratori della Congregazione per l'educazione cattolica e un gruppo di collaboratori dei Musei Vaticani. Papa Francesco ha incentrato la sua omelia sulla preghiera del ''Padre Nostro'' insegnata da Gesu' ai discepoli, di cui narra il Vangelo odierno. Gesu', ha detto il papa, ci da' subito un consiglio nella preghiera: ''non sprecare parole, non fare rumore'', ''il rumore della mondanita', i rumori della vanita'''. Ed ha avvertito che la ''preghiera non e' una cosa magica, non si fa magia con la preghiera''. ''Qualcuno - ha proseguito il papa - mi dice che quando uno va da uno 'stregone' gli dicono tante parole per guarirlo. Ma quello e' pagano. Noi, ci insegna Gesu', non dobbiamo andare con tante parole da Lui, perche' Lui sa tutto. E aggiunge: la prima parola e' 'Padre', questa e' la chiave della preghiera''. ''A chi prego? Al Dio Onnipotente? Troppo lontano. Ah, questo io non lo sento. Gesu' neppure lo sentiva. A chi prego? Al Dio cosmico? Un po' abituale, in questi giorni, no?... pregare il Dio cosmico? Questa modalita' politeista che arriva con questa cultura light... Tu devi pregare il Padre! - ha spiegato il pontefice - E' una parola forte, ''Padre'. Tu devi pregare quello che ti ha generato, che ti ha dato la vita. Non a tutti: a tutti e' troppo anonimo. A te. A me. E anche quello che ti accompagna nel tuo cammino: conosce tutta la tua vita. Tutto: quello che e' buono e quello che non e' tanto buono. Conosce tutto. Se non incominciamo la preghiera con questa parola, non detta dalle labbra, ma detta dal cuore, non possiamo pregare in cristiano''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari