giovedì 19 gennaio | 05:30
pubblicato il 20/giu/2013 12:26

Papa: pregare non e' magia e Dio non e' uno 'stregone'

Papa: pregare non e' magia e Dio non e' uno 'stregone'

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 20 giu - Pregare non e' una magia e Dio non e' uno ''stregone'', ma un Padre vicino che ci ama. Questo il senso delle parole di papa Francesco che stamane, nel corso dell'omelia, in Santa Marta ha trattato il tema di Dio Padre cosi' come presentato da gesu' nei Vangeli.

Una messa, riferisce la cronaca della Radio Vaticana, concelebrata tra gli altri dal cardinale Zenon Grocholewski, e alla quale hanno preso parte un gruppo di collaboratori della Congregazione per l'educazione cattolica e un gruppo di collaboratori dei Musei Vaticani. Papa Francesco ha incentrato la sua omelia sulla preghiera del ''Padre Nostro'' insegnata da Gesu' ai discepoli, di cui narra il Vangelo odierno. Gesu', ha detto il papa, ci da' subito un consiglio nella preghiera: ''non sprecare parole, non fare rumore'', ''il rumore della mondanita', i rumori della vanita'''. Ed ha avvertito che la ''preghiera non e' una cosa magica, non si fa magia con la preghiera''. ''Qualcuno - ha proseguito il papa - mi dice che quando uno va da uno 'stregone' gli dicono tante parole per guarirlo. Ma quello e' pagano. Noi, ci insegna Gesu', non dobbiamo andare con tante parole da Lui, perche' Lui sa tutto. E aggiunge: la prima parola e' 'Padre', questa e' la chiave della preghiera''. ''A chi prego? Al Dio Onnipotente? Troppo lontano. Ah, questo io non lo sento. Gesu' neppure lo sentiva. A chi prego? Al Dio cosmico? Un po' abituale, in questi giorni, no?... pregare il Dio cosmico? Questa modalita' politeista che arriva con questa cultura light... Tu devi pregare il Padre! - ha spiegato il pontefice - E' una parola forte, ''Padre'. Tu devi pregare quello che ti ha generato, che ti ha dato la vita. Non a tutti: a tutti e' troppo anonimo. A te. A me. E anche quello che ti accompagna nel tuo cammino: conosce tutta la tua vita. Tutto: quello che e' buono e quello che non e' tanto buono. Conosce tutto. Se non incominciamo la preghiera con questa parola, non detta dalle labbra, ma detta dal cuore, non possiamo pregare in cristiano''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina