domenica 26 febbraio | 07:29
pubblicato il 20/giu/2013 12:26

Papa: pregare non e' magia e Dio non e' uno 'stregone'

Papa: pregare non e' magia e Dio non e' uno 'stregone'

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 20 giu - Pregare non e' una magia e Dio non e' uno ''stregone'', ma un Padre vicino che ci ama. Questo il senso delle parole di papa Francesco che stamane, nel corso dell'omelia, in Santa Marta ha trattato il tema di Dio Padre cosi' come presentato da gesu' nei Vangeli.

Una messa, riferisce la cronaca della Radio Vaticana, concelebrata tra gli altri dal cardinale Zenon Grocholewski, e alla quale hanno preso parte un gruppo di collaboratori della Congregazione per l'educazione cattolica e un gruppo di collaboratori dei Musei Vaticani. Papa Francesco ha incentrato la sua omelia sulla preghiera del ''Padre Nostro'' insegnata da Gesu' ai discepoli, di cui narra il Vangelo odierno. Gesu', ha detto il papa, ci da' subito un consiglio nella preghiera: ''non sprecare parole, non fare rumore'', ''il rumore della mondanita', i rumori della vanita'''. Ed ha avvertito che la ''preghiera non e' una cosa magica, non si fa magia con la preghiera''. ''Qualcuno - ha proseguito il papa - mi dice che quando uno va da uno 'stregone' gli dicono tante parole per guarirlo. Ma quello e' pagano. Noi, ci insegna Gesu', non dobbiamo andare con tante parole da Lui, perche' Lui sa tutto. E aggiunge: la prima parola e' 'Padre', questa e' la chiave della preghiera''. ''A chi prego? Al Dio Onnipotente? Troppo lontano. Ah, questo io non lo sento. Gesu' neppure lo sentiva. A chi prego? Al Dio cosmico? Un po' abituale, in questi giorni, no?... pregare il Dio cosmico? Questa modalita' politeista che arriva con questa cultura light... Tu devi pregare il Padre! - ha spiegato il pontefice - E' una parola forte, ''Padre'. Tu devi pregare quello che ti ha generato, che ti ha dato la vita. Non a tutti: a tutti e' troppo anonimo. A te. A me. E anche quello che ti accompagna nel tuo cammino: conosce tutta la tua vita. Tutto: quello che e' buono e quello che non e' tanto buono. Conosce tutto. Se non incominciamo la preghiera con questa parola, non detta dalle labbra, ma detta dal cuore, non possiamo pregare in cristiano''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech