giovedì 08 dicembre | 17:57
pubblicato il 26/ott/2014 13:45

Papa: non possiamo separare vita religiosa da servizio a fratelli

"Dovere prendersi cura persone più deboli come lo straniero

Papa: non possiamo separare vita religiosa da servizio a fratelli

Roma, 26 ott. (askanews) - "Non si può più separare la vita religiosa dal servizio ai fratelli, a quei fratelli concreti che incontriamo", ed "essere santi comprende il dovere di prendersi cura delle persone più deboli come lo straniero, l'orfano, la vedova": è il cuore del messaggio dell'Angelus di Papa Francesco di oggi, che ha ricordato come "l'amore è la misura della fede e la fede è l'anima dell'amore".

Dopo la lettura dal Vangelo di Matteo, il Papa all'Angelus ha sottolineato la "novità" del messaggio di Gesù": "Mettere insieme questi due comandamenti l'amore per Dio e l'amore per il prossimo - rivelando che essi sono inseparabili e complementari, sono le due facce di una stessa medaglia".

Perché "non si può amare l'uno senza amare l'altro". "Papa Benedetto - ha proseguito Papa Francesco - ci ha lasciato un bellissimo commento a questo proposito nella sua prima Enciclica Deus caritas est. In effetti, il segno visibile che il cristiano può mostrare per testimoniare al mondo l'amore di Dio è l'amore dei fratelli. Il comandamento dell'amore a Dio e al prossimo è il primo non perché sta in cima all'elenco dei comandamenti. Gesù non lo mette al vertice, ma al centro, perché è il cuore da cui tutto deve partire e a cui tutto deve ritornare e fare riferimento".

"Già nell'Antico Testamento - ha ricordato il Papa - l'esigenza di essere santi, ad immagine di Dio che è santo, comprendeva anche il dovere di prendersi cura delle persone più deboli come lo straniero, l'orfano, la vedova".

E "Gesù porta a compimento questa legge di alleanza, Lui che unisce in sé stesso, nella sua carne, la divinità e l'umanità, in un unico mistero d'amore". "Ormai - ha sottolineato il Papa - alla luce della parola di Gesù, l'amore è la misura della fede, e la fede è l'anima dell'amore. Non possiamo più separare la vita religiosa dal servizio ai fratelli, a quei fratelli concreti che incontriamo". Così "non possiamo più dividere la preghiera, l'incontro con Dio nei Sacramenti, dall'ascolto dell'altro, dalla prossimità alla sua vita, specialmente alle sue ferite".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni