lunedì 23 gennaio | 14:18
pubblicato il 12/set/2013 17:33

Papa: non possiamo ignorare la sofferenza di tante famiglie

Papa: non possiamo ignorare la sofferenza di tante famiglie

(ASCA) - Torino, 12 set - ''Non possiamo ignorare la sofferenza di tante famiglie, dovuta alla mancanza di lavoro, al problema della casa, alla impossibilita' pratica di attuare liberamente le proprie scelte educative''. Lo scrive papa Francesco nel messaggio indirizzato alla Settimana Sociale dei Cattolici italiani che si e' aperta a Torino sottolineando ''la sofferenza dovuta anche ai conflitti interni alle famiglie stesse, ai fallimenti dell'esperienza coniugale e familiare, alla violenza che purtroppo si annida e fa danni anche all'interno delle nostre case''. ''A tutti - prosegue papa Francesco - dobbiamo e vogliamo essere particolarmente vicini, con rispetto e con vero senso di fraternita' e di solidarieta'. Vogliamo pero' soprattutto ricordare la testimonianza semplice, ma bella e coraggiosa di tantissime famiglie, che vivono l'esperienza del matrimonio e dell'essere genitori con gioia, illuminati e sostenuti dalla grazia del Signore, senza paura di affrontare anche i momenti della croce che, vissuta in unione con quella del Signore, non impedisce il cammino dell'amore, ma anzi puo' renderlo piu' forte e piu' completo''. ''Le conseguenze, positive o negative, delle scelte di carattere culturale, anzitutto, e politico riguardanti la famiglia - scrive il Pontefice - toccano i diversi ambiti della vita di una societa' e di un Paese: dal problema demografico, che e' grave per tutto il continente europeo e in modo particolare per l'Italia, alle altre questioni relative al lavoro e all'economia in generale, alla crescita dei figli, fino a quelle che riguardano la stessa visione antropologica che e' alla base della nostra civilta'''. ''Come Chiesa offriamo una concezione della famiglia, che e' quella del Libro della Genesi, dell'unita' nella differenza tra uomo e donna, e della sua fecondita'. In questa realta', inoltre, riconosciamo un bene per tutti, la prima societa' naturale, come recepito anche nella Costituzione della Repubblica Italiana''. ''Per la comunita' cristiana la famiglia e' ben piu' che 'tema': e' vita, e' tessuto quotidiano, e' cammino di generazioni che si trasmettono la fede insieme con l'amore e con i valori morali fondamentali, e' solidarieta' concreta, fatica, pazienza, e anche progetto, speranza, futuro''. ''Tutto questo, che la comunita' cristiana vive nella luce della fede, della speranza e della carita', non e' mai tenuto per se', ma diventa ogni giorno lievito nella pasta dell'intera societa', per il suo maggior bene comune''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4