sabato 21 gennaio | 03:59
pubblicato il 14/ott/2013 11:37

Papa: no a santita' di tintoria. Cristiani si liberino da sindrome Giona

Papa: no a santita' di tintoria. Cristiani si liberino da sindrome Giona

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 14 ott - Non basta una ''religiosita' perfetta'' o una ''santita' di 'tintoria''' per salvarsi. I cristiani devono liberarsi dalla 'sindrome di Giona'. Lo ha detto papa Francesco nell'omelia, pubblicata da Radio Vaticana, della messa celebrata stamane a Santa Marta.

''La 'sindrome di Giona' - ha spiegato il papa - non ha lo zelo per la conversione della gente, cerca una santita', mi permetto la parola, una santita' di 'tintoria', tutta bella, tutta benfatta, ma senza quello zelo di andare a predicare il Signore. Ma il Signore di fronte a questa generazione ammalata dalla 'sindrome di Giona' promette il segno di Giona. L'altra versione, quella di Matteo, dice: Giona e' stato dentro la balena tre notti e tre giorni, riferimento a Gesu' nel sepolcro, alla sua morte e alla sua Risurrezione, e quello e' il segno che Gesu' promette, contro l'ipocrisia, contro questo atteggiamento di religiosita' perfetta, contro questo atteggiamento di un gruppo di farisei''.

C'e', ha ammonito papa Francesco, la ''sindrome di Giona''. Il Signore gli chiede di andare a Ninive e lui fugge in Spagna. Giona, ha detto, ''aveva le cose chiare: la dottrina e' questa'', ''si deve fare questo'' e i peccatori ''si arrangino, io me ne vado''. Quelli che ''vivono secondo questa sindrome di Giona'', ha aggiunto il pontefice, Gesu' ''li chiama ipocriti, perche' non vogliono la salvezza'' della ''povera gente'', degli ''ignoranti'' e ''peccatori''.

''Ecco, la 'sindrome di Giona' - ha proseguito il pontefice - ci porta alla ipocrisia, a quella sufficienza, ad essere cristiani puliti, perfetti, 'perche' noi facciamo queste opere: compiamo i comandamenti, tutto'. E' una grossa malattia. E il segno di Giona, che la misericordia di Dio in Gesu' Cristo, morto e risorto per noi, per la nostra salvezza. Sono due parole nella prima lettura che si collegano con questo. Paolo dice di se stesso che e' apostolo non perche' ha studiato questo, no: apostolo per chiamata. E ai cristiani dice: 'Siete voi chiamati da Gesu' Cristo'. Il segno di Giona ci chiama: seguire il Signore, peccatori, siamo tutti, con umilta', con mitezza. C'e' una chiamata, anche una scelta''.

dab/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4