sabato 10 dicembre | 12:01
pubblicato il 24/ott/2013 11:19

Papa: no a cristiani all'acqua di rosa. Vivano sul serio la propria fede

Papa: no a cristiani all'acqua di rosa. Vivano sul serio la propria fede

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 24 ott - I cristiani prendano sul serio la propria fede, non vivano all'acqua di rosa. Lo ha detto papa Francesco nell'omelia, pubblicata da Radio Vaticana, della messa celebrata stamane a Santa Marta.

'''Mi dico cristiano, ma vivo come pagano'. Alcune volte diciamo 'cristiani a meta' cammino', - ha sottolineato il papa - che non prendono sul serio questo. Siamo santi, giustificati, santificati per il sangue di Cristo: prendere questa santificazione e portarla avanti. E non si prende sul serio. Cristiani tiepidi: 'Ma, si', si'; ma, no, no'. Un po' come dicevano le nostre mamme: 'cristiano all'acqua di rosa, no'. Un po' cosi'... Un po' di vernice di cristiano, un po' di vernice di catechesi... Ma dentro non c'e' una vera conversione, non c'e' questa convinzione di Paolo: 'Tutto ho lasciato perdere e considero spazzatura, per guadagnare Cristo e essere trovato in Lui'''.

''Prima dell'Atto di Fede, prima dell'accettazione di Gesu' Cristo che ci ha ri-creati col suo sangue - ha aggiunto il papa - eravamo sulla strada dell'ingiustizia''. Dopo, invece, ''siamo sulla strada della santificazione, ma dobbiamo prenderla sul serio''. E, ha soggiunto Francesco, per prenderla sul serio, bisogna fare le opere di giustizia, opere ''semplici'': ''adorare Dio: Dio e' il primo sempre. E poi fare cio' che Gesu' ci consiglia: aiutare gli altri''. Queste opere, ha rammentato il pontefice, ''sono le opere che Gesu' ha fatto nella sua vita: opere di giustizia, opere di ri-creazione''.

''Quando noi diamo da mangiare a un affamato'', ha detto, ''ri-creiamo in lui la speranza. E cosi' con gli altri''. Se invece ''accettiamo la fede e poi non la viviamo - ha avvertito - siamo cristiani soltanto a memoria''. ''Senza questa coscienza del prima e del dopo della quale ci parla Paolo, - ha ricordato il papa - il nostro cristianesimo non serve a nessuno. E piu': va sulla strada dell'ipocrisia''.

dab/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina