sabato 25 febbraio | 03:13
pubblicato il 11/dic/2013 11:03

Papa: nel momento del giudizio non saremo lasciati soli, niente paura

Papa: nel momento del giudizio non saremo lasciati soli, niente paura

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 11 dic - Un motivo di fiducia viene offerto dalla constatazione che, ''nel momento del giudizio, non saremo lasciati soli''. Lo ha detto papa Francesco nella catechesi dell'udienza generale in piazza San Pietro.

''E' Gesu' stesso, nel Vangelo di Matteo, - ha aggiunto il papa - a preannunciare come, alla fine dei tempi, coloro che lo avranno seguito prenderanno posto nella sua gloria, per giudicare insieme a lui''.

''Quando pensiamo al ritorno di Cristo e al suo giudizio finale, che manifestera', fino alle sue ultime conseguenze, il bene che ognuno avra' compiuto o avra' omesso di compiere durante la sua vita terrena'', ha sottolineato il papa, ''percepiamo di trovarci di fronte a un mistero che ci sovrasta, che non riusciamo nemmeno a immaginare. Un mistero che quasi istintivamente suscita in noi un senso di timore, e magari anche di trepidazione. Se pero' riflettiamo bene su questa realta', essa non puo' che allargare il cuore di un cristiano e costituire un grande motivo di consolazione e di fiducia''. Le prime comunita' cristiane ha ricordato Francesco, ''erano solite accompagnare le celebrazioni e le preghiere con l'acclamazione Maranatha', un'espressione costituita da due parole aramaiche che, a seconda di come vengono scandite, si possono intendere come una supplica: 'Vieni, Signore', oppure come una certezza alimentata dalla fede: 'Si', il Signore viene, il Signore e' vicino'. E' l'esclamazione in cui culmina tutta la Rivelazione cristiana, al termine della meravigliosa contemplazione che ci viene offerta nell'Apocalisse di Giovanni''. In quel caso, e' ''la Chiesa-sposa che, a nome dell'umanita', di tutta l'umanita', e in quanto sua primizia, si rivolge a Cristo, suo sposo, non vedendo l'ora di essere avvolta dal suo abbraccio, che e' pienezza di vita e di amore''. Se si pensa al giudizio in questa prospettiva, ha spiegato il papa, ''ogni paura e titubanza viene meno e lascia spazio all'attesa e a una profonda gioia: sara' proprio il momento in cui verremo giudicati finalmente pronti per essere rivestiti della gloria di Cristo, come di una veste nuziale, ed essere condotti al banchetto, immagine della piena e definitiva comunione con Dio''.

dab/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech