sabato 21 gennaio | 23:08
pubblicato il 01/giu/2013 16:39

Papa: mons. Capovilla, Francesco come Giovanni XXIII e' un papa di carne

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 1 giu - ''Un papa di carne''.

Questa definizione che don Primo Mazzolari conio' per Giovanni XXIII, l'arcivescovo Loris Francesco Capovilla l'applica anche a papa Francesco. Nel corso dell'intervista a L'Osservatore Romano in occasione dei cinquanta anni di ricorrenza della morte del beato Giovanni XXIII e dell'inizio del concilio Vaticano II, l'antico segretario di Roncalli rileva un singolare collegamento nello stile pastorale dei due Pontefici. Entrambi, a suo dire, hanno suscitato un forte consenso popolare perche' manifestazione concreta e immediata dell'umanita' e della bonta' di Dio. ''Ogni mattina - spiega l'arcivescovo nella lunga intervista - ricordo sempre la Chiesa, il nostro papa Francesco e Benedetto XVI. Ha servito, ha amato, ha istruito.

Nessun papa ha tutto negativo o tutto positivo. Non ho mai mitizzato papa Giovanni, ma la serenita', la semplicita', il modo di guardarti sono indimenticabili. E accade ugualmente con Papa Francesco. Quando gira per piazza San Pietro da' l'impressione che vorrebbe dare la mano a tutti, vorrebbe fare una carezza a tutti. E' questa umanita' di Dio che viene mostrata, come scrive san Paolo nella lettera a Tito. Il cardinale Testa, che era un uomo serio, di poche parole, una volta mi domando' all'inizio del pontificato di papa Giovanni cosa pensassi dell'entusiasmo con cui i romani lo avevano accolto. La risposta fu che per i romani e' sempre cosi', per loro il papa e' il papa, si chiami Leone XIII, Benedetto XV, Pio XI o Pio XII''. ''In papa Francesco - prosegue Capovilla - sono evidenti la bonta' e l'umanita' di Dio che si mostra alla gente comune. Don Primo Mazzolari, un grande prete italiano, e sono grato a Benedetto XVI di averlo ricordato nel 2009 in piazza San Pietro nel cinquantesimo della morte come una buona guida dei preti italiani, quando fu eletto papa Giovanni, disse: 'Abbiamo un papa di carne'. Non si tratta di una cosa banale, perche' Dio si e' fatto carne. Papa Francesco lo manifesta in forma eloquente.

Anche noi dovremmo incarnare il Vangelo per andare dai nostri fratelli, con piu' attenzione, meno applausi e piu' esemplarita' di vita''.

dab/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4