lunedì 27 febbraio | 15:31
pubblicato il 14/mar/2013 12:28

Papa: mons. Bertolone (Catanzaro), sapra' parlare ai cuori semplici

(ASCA) - Catanzaro, 14 mar - ''Un Papa che sapra' parlare ai cuori semplici, che difendera' i cristiani dove sono perseguitati parlando di pace, come Francesco, ricco di cultura e di spiritualita', che avra' fermezza, soavita' e una grande capacita' di dialogo con tutti, divenendo col suo sorriso annunciatore della buona novella ai poveri ed agli sventurati della terra''. Questo il ritratto del nuovo Papa Francesco visto dall'arcivescovo di Catanzaro-Squillace, monsignor Vincenzo Bertolone.

Commentando le aspettative sorte sul Papa di fresca elezione, monsignor Bertolone si dice sicuro ''che a Roma, in questo momento, stiano guardando tutti, anche quanti non sono credenti. Del resto, e' anche a loro che il nuovo Papa parlera', ripartendo dal gesto del suo predecessore''. Ovvero dalle dimissioni di Benedetto XVI: ''Con i gesti e le parole delle ultime settimane - dice l'arcivescovo catanzarese - il pontefice emerito ha testimoniato quale differenza corra tra salvezza e sicurezza: sicuro e' chi sfugge deliberatamente alle risposte. Salvo e' chi non smette mai di interrogare e di interrogarsi, pronto a mettere in discussione ogni presunta certezza. Essere cristiani e' un rischio, ha insegnato il ''pellegrino'' Joseph Ratzinger, impegnato, come ha detto lui stesso il 28 febbraio, nell'ultimo tratto del cammino terreno. Uno che continua ad avanzare ed a farsi domande e non perche' le risposte non esistano, ma per ricercarle e per sconfiggere, la pretesa della societa' contemporanea, smaniosa di ridurre a parodia l'inquietudine del Vangelo, come se si potesse fare a meno della fede''.

Ritornando agli esiti del Conclave, monsignor Bertolone aggiunge: ''Come testimoniano il suo bagaglio culturale ed il suo intenso ministero pastorale, Sua Santita' Jorge Mario Bergolgio sara' di certo un uomo che parlera' al cuore degli uomini con uno sguardo nuovo sul mondo intero, che ha bisogno forti parole di speranza. Ed e' questa, in fondo, anche la nostra speranza''. Chiosa il Presule catanzarese: ''Papa Benedetto XVI, incontrando il Collegio dei Cardinali, prima di congedarsi, ha indicato un esempio: quello dell'orchestra.

Ha voluto fornire, con una metafora, un'indicazione che i piu', specie quelli assiepati sotto le mura vaticane a catturar sospiri e respiri, mostrano di non voler intendere: governare la Chiesa non vuol dire assemblare una macchina burocraticamente efficiente, ne' lavorare col bilancino delle dosi per una ricetta di successo. Si tratta del senso della fede, della giusta intonazione, dell'intesa che nasce dall'abitudine a suonare insieme e del gusto per l'accordo migliore: una sinfonia, per l'appunto. Un invito a tutta la cristianita' ad essere espressione della Chiesa universale, concorrendo alla bellezza e alla ricchezza di una superiore e concorde armonia. Ne sono sicuro: papa Jorge Mario Bergoglio raccogliera' il testimone e sotto la Sua guida il popolo dei credenti non mostrera' tentennamenti, gli sara' devoto e ne sosterra' il cammino''.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech