venerdì 09 dicembre | 06:50
pubblicato il 29/ott/2013 11:31

Papa: la speranza non e' ottimismo ma una virtu' rischiosa

Papa: la speranza non e' ottimismo ma una virtu' rischiosa

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 29 ott - ''La speranza non e' un ottimismo, non e' quella capacita' di guardare le cose con buon animo e andare avanti. No, quello e' ottimismo, non e' speranza. Ne' la speranza e' un atteggiamento positivo davanti alle cose. Quelle persone luminose, positive ma questo e' buono, eh! Ma non e' la speranza''. Lo ha detto papa Francesco nell'omelia, pubblicata da Radio Vaticana, della messa celebrata stamane a Santa Marta.

''Non e' facile capire cosa sia la speranza - ha osservato Francesco - Si dice che e' la piu' umile delle tre virtu', perche' si nasconde nella vita.

La fede si vede, si sente, si sa cosa e'. La carita' si fa, si sa cosa e'. Ma cosa e' la speranza? Cosa e' questo atteggiamento di speranza? Per avvicinarci un po', possiamo dire in primo che la speranza e' un rischio, e' una virtu' rischiosa, e' una virtu', come dice San Paolo 'di un'ardente aspettativa verso la rivelazione del Figlio di Dio'. Non e' un'illusione''.

Avere speranza, ha aggiunto il papa, e' proprio questo: ''essere in tensione verso questa rivelazione, verso questa gioia che riempira' la nostra bocca di sorrisi''. San Paolo, ha detto ancora, tiene a sottolineare che la speranza non e' ottimismo, ''e' di piu'''. E' ''un'altra cosa differente''. I primi cristiani, ha ricordato il papa, la ''dipingevano come un'ancora: la speranza era un'ancora, un'ancora fissa nella riva'' dell'Aldila'. E la nostra vita e' proprio camminare verso quest'ancora.

''Una cosa - ha proseguito Francesco - e' vivere nella speranza, perche' nella speranza siamo salvati e un'altra cosa e' vivere come buoni cristiani, non di piu'. Vivere in attesa della rivelazione o vivere bene con i comandamenti, essere ancorati nella riva di la' o parcheggiati nella laguna artificiale. Penso a Maria, una ragazza giovane, quando, dopo che lei ha sentito che era mamma e' cambiato il suo atteggiamento e va, aiuta e canta quel cantico di lode.

Quando una donna rimane incinta e' donna, ma non e' mai (solo) donna: e' mamma. E la speranza ha qualcosa di questo.

Ci cambia l'atteggiamento: siamo noi, ma non siamo noi; siamo noi, cercando la', ancorati la'''.

dab/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni