domenica 19 febbraio | 13:48
pubblicato il 29/ott/2013 11:31

Papa: la speranza non e' ottimismo ma una virtu' rischiosa

Papa: la speranza non e' ottimismo ma una virtu' rischiosa

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 29 ott - ''La speranza non e' un ottimismo, non e' quella capacita' di guardare le cose con buon animo e andare avanti. No, quello e' ottimismo, non e' speranza. Ne' la speranza e' un atteggiamento positivo davanti alle cose. Quelle persone luminose, positive ma questo e' buono, eh! Ma non e' la speranza''. Lo ha detto papa Francesco nell'omelia, pubblicata da Radio Vaticana, della messa celebrata stamane a Santa Marta.

''Non e' facile capire cosa sia la speranza - ha osservato Francesco - Si dice che e' la piu' umile delle tre virtu', perche' si nasconde nella vita.

La fede si vede, si sente, si sa cosa e'. La carita' si fa, si sa cosa e'. Ma cosa e' la speranza? Cosa e' questo atteggiamento di speranza? Per avvicinarci un po', possiamo dire in primo che la speranza e' un rischio, e' una virtu' rischiosa, e' una virtu', come dice San Paolo 'di un'ardente aspettativa verso la rivelazione del Figlio di Dio'. Non e' un'illusione''.

Avere speranza, ha aggiunto il papa, e' proprio questo: ''essere in tensione verso questa rivelazione, verso questa gioia che riempira' la nostra bocca di sorrisi''. San Paolo, ha detto ancora, tiene a sottolineare che la speranza non e' ottimismo, ''e' di piu'''. E' ''un'altra cosa differente''. I primi cristiani, ha ricordato il papa, la ''dipingevano come un'ancora: la speranza era un'ancora, un'ancora fissa nella riva'' dell'Aldila'. E la nostra vita e' proprio camminare verso quest'ancora.

''Una cosa - ha proseguito Francesco - e' vivere nella speranza, perche' nella speranza siamo salvati e un'altra cosa e' vivere come buoni cristiani, non di piu'. Vivere in attesa della rivelazione o vivere bene con i comandamenti, essere ancorati nella riva di la' o parcheggiati nella laguna artificiale. Penso a Maria, una ragazza giovane, quando, dopo che lei ha sentito che era mamma e' cambiato il suo atteggiamento e va, aiuta e canta quel cantico di lode.

Quando una donna rimane incinta e' donna, ma non e' mai (solo) donna: e' mamma. E la speranza ha qualcosa di questo.

Ci cambia l'atteggiamento: siamo noi, ma non siamo noi; siamo noi, cercando la', ancorati la'''.

dab/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia