venerdì 09 dicembre | 07:25
pubblicato il 17/feb/2014 11:35

Papa: in Vaticano consiglio cardinali. 'Occorre saggezza e pazienza'

Papa: in Vaticano consiglio cardinali. 'Occorre saggezza e pazienza'

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 17 feb 2014 - Si apre oggi in Vaticano l'incontro i nuovo incontro tra papa Francesco e gli 8 cardinali da lui incaricati di affiancarlo nelle decisioni piu' difficili e spinose che riguardano il governo della Chiesa e, come ha spiegato lo stesso Bergoglio ''di studiare un progetto di revisione della costituzione apostolica Pastor bonus sulla Curia romana''. Intanto papa Francesco, celebrando stamane a Santa Marta la messa mattutina, ha insistito sulla necessita', da parte del credente, di sviluppare due virtu': quella della saggezza e della pazienza.

Facendo riferimento alle letture proposte dalla liturgia odierna, il papa ha spiegato, pero', che ''la pazienza non e' rassegnazione, e' un'altra cosa''. Commentando la lettera di San Giacomo dove scrive ai primi cristiani di considerare come '''perfetta letizia, subire ''ogni sorta di prove'', il pontefice ha aggiunto che ''sembra un invito a fare il fachiro'' senza, pero', essere cosi'. La pazienza, infatti, aiuta a sopportare le prove, ''le cose che noi non vogliamo'' e fa ''maturare la nostra vita. Chi non ha pazienza vuole tutto subito, tutto di fretta. Chi non conosce questa saggezza della pazienza e' una persona capricciosa, come i bambini che sono capricciosi'', quindi ''e' una persona che non cresce, che rimane nei capricci del bambino, che non sa prendere la vita come viene: o questo o niente. Questa e' una delle tentazioni: diventare capricciosi''. ''Un'altra tentazione di quelli che non hanno pazienza e' l'onnipotenza'', ha fatto notare ancora, di volere subito una cosa, come accade ai farisei che chiedono a Gesu' un segno dal cielo: ''volevano uno spettacolo, un miracolo''.

''Confondono il modo di agire di Dio con il modo di agire di uno stregone. E Dio - ha detto ancora il papa - non agisce come uno stregone, Dio ha il suo modo di andare avanti. La pazienza di Dio. Anche Lui ha pazienza''. Una pazienza che si estende anche al popolo. ''Quanto paziente e' il nostro popolo! Ancora adesso! Quando andiamo nelle parrocchie e troviamo quelle persone che soffrono, che hanno problemi, che hanno un figlio disabile o hanno una malattia, ma portano avanti con pazienza la vita. Non chiedono segni, come questi del Vangelo, che volevano un segno. Dicevano: ''Dateci un segno!'. No, non chiedono, ma sanno leggere i segni dei tempi: sanno che quando germoglia il fico, viene la primavera; sanno distinguere quello. Invece, questi impazienti del Vangelo di oggi, che volevano un segno, non sapevano leggere i segni dei tempi, e per questo non hanno riconosciuto Gesu'''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni