martedì 24 gennaio | 14:26
pubblicato il 17/feb/2014 11:35

Papa: in Vaticano consiglio cardinali. 'Occorre saggezza e pazienza'

Papa: in Vaticano consiglio cardinali. 'Occorre saggezza e pazienza'

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 17 feb 2014 - Si apre oggi in Vaticano l'incontro i nuovo incontro tra papa Francesco e gli 8 cardinali da lui incaricati di affiancarlo nelle decisioni piu' difficili e spinose che riguardano il governo della Chiesa e, come ha spiegato lo stesso Bergoglio ''di studiare un progetto di revisione della costituzione apostolica Pastor bonus sulla Curia romana''. Intanto papa Francesco, celebrando stamane a Santa Marta la messa mattutina, ha insistito sulla necessita', da parte del credente, di sviluppare due virtu': quella della saggezza e della pazienza.

Facendo riferimento alle letture proposte dalla liturgia odierna, il papa ha spiegato, pero', che ''la pazienza non e' rassegnazione, e' un'altra cosa''. Commentando la lettera di San Giacomo dove scrive ai primi cristiani di considerare come '''perfetta letizia, subire ''ogni sorta di prove'', il pontefice ha aggiunto che ''sembra un invito a fare il fachiro'' senza, pero', essere cosi'. La pazienza, infatti, aiuta a sopportare le prove, ''le cose che noi non vogliamo'' e fa ''maturare la nostra vita. Chi non ha pazienza vuole tutto subito, tutto di fretta. Chi non conosce questa saggezza della pazienza e' una persona capricciosa, come i bambini che sono capricciosi'', quindi ''e' una persona che non cresce, che rimane nei capricci del bambino, che non sa prendere la vita come viene: o questo o niente. Questa e' una delle tentazioni: diventare capricciosi''. ''Un'altra tentazione di quelli che non hanno pazienza e' l'onnipotenza'', ha fatto notare ancora, di volere subito una cosa, come accade ai farisei che chiedono a Gesu' un segno dal cielo: ''volevano uno spettacolo, un miracolo''.

''Confondono il modo di agire di Dio con il modo di agire di uno stregone. E Dio - ha detto ancora il papa - non agisce come uno stregone, Dio ha il suo modo di andare avanti. La pazienza di Dio. Anche Lui ha pazienza''. Una pazienza che si estende anche al popolo. ''Quanto paziente e' il nostro popolo! Ancora adesso! Quando andiamo nelle parrocchie e troviamo quelle persone che soffrono, che hanno problemi, che hanno un figlio disabile o hanno una malattia, ma portano avanti con pazienza la vita. Non chiedono segni, come questi del Vangelo, che volevano un segno. Dicevano: ''Dateci un segno!'. No, non chiedono, ma sanno leggere i segni dei tempi: sanno che quando germoglia il fico, viene la primavera; sanno distinguere quello. Invece, questi impazienti del Vangelo di oggi, che volevano un segno, non sapevano leggere i segni dei tempi, e per questo non hanno riconosciuto Gesu'''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4