sabato 03 dicembre | 19:31
pubblicato il 10/nov/2014 10:50

Papa Francesco: i cristiani che danno scandalo distruggono la fede

"Un cristiano che non è capace di perdonare non è cristiano"

Presidente del Ghana regala al Papa suo libro su colpo di Stato

Città del Vaticano, 10 nov. (askanews) - Ogni cristiano, qualsiasi sia la sua vocazione, deve saper perdonare sempre e non dare mai scandalo, perché lo "scandalo distrugge la fede". Papa Francesco lo ha detto commentando le letture della Messa del mattino, presieduta nella cappella di casa Santa Marta.

Scandalo, ha detto Papa Francesco a quanto riportato dalla Radio vaticana, "è dire e professare uno stile di vita - 'sono cristiano' - e poi vivere da pagano, che non crede in nulla". Questo dà scandalo "perché manca la testimonianza", mentre "la fede confessata - ribadisce Papa Francesco - è vita vissuta": "Quando un cristiano o una cristiana, che va in chiesa, che va in parrocchia, non vive così, scandalizza. Ma quante volte abbiamo sentito: 'Ma io non vado in Chiesa - uomini e donne - perché è meglio essere onesto a casa o non andare come quello o quella che vanno in Chiesa e poi fanno questo, questo, questo…'. Lo scandalo distrugge, distrugge la fede! E per questo Gesù è tanto forte: 'State attenti! State attenti!'. Questo ci farà bene ripeterlo oggi: 'State attenti a voi stessi!'. Tutti noi siamo capaci di scandalizzare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari