domenica 04 dicembre | 17:50
pubblicato il 16/nov/2013 12:52

Papa: Dio come un guerriero implacabile salva e ascolta suo popolo

Papa: Dio come un guerriero implacabile salva e ascolta suo popolo

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 16 nov - ''Quando chiama Mose' gli dice: ''Ho sentito il pianto, il lamento del mio popolo'.

Il Signore ascolta. E nella prima Lettura abbiamo ascoltato quello che ha fatto il Signore, quella parola onnipotente: ''Dal Cielo viene come un guerriero implacabile'. Quando il Signore prende la difesa del suo popolo e' cosi': e' un guerriero implacabile e salva il suo popolo''. Lo ha detto papa Francesco nell'omelia, pubblicata da Radio Vaticana, della messa celebrata stamane a Santa Marta.

Il Signore, prosegue il papa, ''ha sentito la preghiera del suo popolo, perche' ha sentito nel suo cuore che i suoi eletti soffrivano'' e lo salva in modo potente.

''Questa e' la forza di Dio - ha sottolineato il papa - E qual e' la forza degli uomini? Qual e' la forza dell'uomo? Questa della vedova: bussare al cuore di Dio, bussare, chiedere, lamentarsi di tanti problemi, tanti dolori e chiedere al Signore la liberazione da questi dolori, da questi peccati, da questi problemi. La forza dell'uomo e' la preghiera e anche la preghiera dell'uomo umile e' la debolezza di Dio. Il Signore e' debole soltanto in questo: e' debole in confronto alla preghiera del suo popolo''.

dab/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari