mercoledì 22 febbraio | 10:27
pubblicato il 06/dic/2013 11:47

Papa: dare anche 'fastidio' a Dio finche' non ci ascolta

Papa: dare anche 'fastidio' a Dio finche' non ci ascolta

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 6 dic - Insistenza ai limiti del fastidio, ma anche una incrollabile certezza: Dio, alla fine, esaudira' le nostre preghiere. Questo l'invito rivolto da papa Francesco, per una preghiera profonda ma anche insistente per ottenere cio' che si chiede. Il papa ne ha parlato nel corso dell'omelia di stamane nella Cappella della residenza di Santa Marta, commentando il Vangelo proposto oggi dalla liturgia. Cosi' come riporta la Radio Vaticana, il pontefice ha messo l'accento sulla preghiera che deve avere due atteggiamenti: ''bisognosa'' e, allo stesso tempo, ''sicura'' del fatto che Dio, nei suoi tempi e nei suoi modi, esaudira' il bisogno. Non e' la prima volta che papa Francesco invita a pregare con insistenza ma questa volta si e' spinto fino a chiedere che si dia quasi 'fastidio' a Dio.

Ne e' la prova il brano evangelico di oggi che racconta di due ciechi che gridano dietro a Gesu' il loro bisogno di essere guariti. Gesu' stesso, ricorda Papa Francesco, ci ha insegnato a pregare come ''l'amico fastidioso'' che mendica del cibo a mezzanotte, o come ''la vedova col giudice corrotto''.

''Non so se forse questo suona male, ma pregare e' un po' dare fastidio a Dio, perche' ci ascolti. - ha detto il pontefice nell'omelia - Ma, il Signore lo dice: come l'amico a mezzanotte, come la vedova al giudice... E' attirare gli occhi, attirare il cuore di Dio verso di noi... E questo lo hanno fatto anche quei lebbrosi che gli si avvicinarono: ''Se tu vuoi, puoi guarirci!'. Lo hanno fatto con una certa sicurezza. Cosi', Gesu' ci insegna a pregare. Quando noi preghiamo, pensiamo a volte: ''Ma, si', io dico questo bisogno, lo dico al Signore una, due, tre volte, ma non con tanta forza''. ''Poi mi stanco di chiederlo e mi dimentico di chiederlo.

Questi gridavano e non si stancavano di gridare. Gesu' ci dice: ''Chiedete', ma anche ci dice: ''Bussate alla porta', e chi bussa alla porta fa rumore, disturba, da' fastidio''.

D'altro canto, ha aggiunto ancora papa Francesco, ''la preghiera ha questi due atteggiamenti: e' bisognosa ed e' sicura. Preghiera bisognosa sempre: la preghiera, quando noi chiediamo qualcosa, e' bisognosa: 'Ho questo bisogno, ascoltami, Signore'. Ma anche, quando e' vera, e' sicura: ''Ascoltami! Io credo che tu possa farlo perche' tu lo hai promesso'''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Papa
Papa: l'integrazione non è né assimilazione né incorporazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%