domenica 22 gennaio | 05:48
pubblicato il 27/mag/2013 11:06

Papa: cultura benessere e fascino provvisorio non ci fanno seguire Gesu'

Papa: cultura benessere e fascino provvisorio non ci fanno seguire Gesu'

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 27 mag - Per seguire Gesu' dobbiamo spogliarci della cultura del benessere e del fascino del provvisorio. Lo ha detto papa Francesco, durante la messa di stamane alla Casa Santa Marta, concelebrata dal cardinale Philippe Barbarin, arcivescovo di Lione. Alla celebrazione, riferisce Radio Vaticana, hanno preso parte un gruppo di collaboratori del Pontificio Consiglio degli Operatori Sanitari, guidati dal presidente mons. Zygmunt Zimowski, e un gruppo di collaboratori dei Servizi Economici del Governatorato, guidati dal dott. Sabatino Napolitano.

''Le ricchezze sono un impedimento'', ha sottolineato Francesco, che ''non fa facile il cammino verso il Regno di Dio''. Del resto, ha avvertito, ''Ognuno di noi ha le sue ricchezze, ognuno''. C'e' sempre, ha detto, una ricchezza che ci ''impedisce di andare vicino a Gesu'''. E questa va cercata. Tutti, ha proseguito il pontefice, ''dobbiamo fare un esame di coscienza su quali sono le nostre ricchezze, perche' ci impediscono di avvicinare Gesu' nella strada della vita''. Il Papa si e' quindi riferito a due ''ricchezze culturali'': innanzitutto la ''cultura del benessere, che ci fa poco coraggiosi, ci fa pigri, ci fa anche egoisti''. Il benessere ''ci anestetizza, e' un'anestesia''. ''No, no, piu' di un figlio no, perche' non possiamo fare le vacanze, - ha aggiunto il papa - non possiamo andare qua, non possiamo comprare la casa'. Sta bene seguire il Signore, ma fino a un certo punto. Questo e' quello che fa il benessere: tutti sappiamo bene com'e' il benessere, ma questo ci getta giu', ci spoglia di quel coraggio, di quel coraggio forte per andare vicino a Gesu'. Questa e' la prima ricchezza della nostra cultura d'oggi, la cultura del benessere''.

C'e' poi, ha soggiunto, ''un'altra ricchezza nella nostra cultura'', una ricchezza ci ''impedisce di andare vicino a Gesu': e' il fascino del provvisorio''. Noi, ha osservato, siamo ''innamorati del provvisorio''. Le ''proposte definitive'' che ci fa Gesu', ha detto, ''non ci piacciono''.

Il provvisorio invece ci piace, perche' ''abbiamo paura del tempo di Dio'' che e' definitivo.

''Quante coppie, quante coppie - ha proseguito Francesco - si sposano, senza dirlo, ma nel cuore: 'fin che dura l'amore e poi vediamo...' Il fascino del provvisorio: questa e' una ricchezza. Dobbiamo diventare padroni del tempo, facciamo piccolo il tempo al momento. Queste due ricchezze sono quelle che in questo momento ci impediscono di andare avanti. Io penso a tanti, tanti uomini e donne che hanno lasciato la propria terra per andare come missionari per tutta la vita: quello e' il definitivo''.

dab/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4