venerdì 20 gennaio | 08:38
pubblicato il 04/feb/2014 12:00

Papa: cristiani si battano per equa distribuzione ricchezza e giustizia

Papa: cristiani si battano per equa distribuzione ricchezza e giustizia

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 4 feb 2014 - ''Nei poveri e negli ultimi noi vediamo il volto di Cristo; amando e aiutando i poveri amiamo e serviamo Cristo''. Questo il messaggio di papa Francesco per la prossima Quaresima, tempo di preparazione per tutti i cristiani alla Pasqua.

Nel suo primo messaggio per questo tempo fondamentale nella vita dei credenti, papa Francesco ha scelto un tema a lui caro: riprendendo le parole di San Paolo (II lettera ai Corinti): ''Si e' fatto povero per arricchirci con la sua poverta''', il papa ha voluto, infatti, toccare uno dei punti cardine del suo pontificato, quello che vede i cristiani 'uscire' per andare incontro alle poverta' del mondo. Distinguendo tra diversi tipi di poverta', Francesco ha, quindi, invitato i cristiani ad ''orientare'' il proprio impegno ''anche a fare in modo che - ha scritto nel suo messaggio - cessino nel mondo le violazioni della dignita' umana, le discriminazioni e i soprusi, che, in tanti casi, sono all'origine della miseria''. ''Quando il potere, il lusso e il denaro diventano idoli, - ha quindi ricordato - si antepongono questi all'esigenza di una equa distribuzione delle ricchezze. Pertanto, e' necessario che le coscienze si convertano alla giustizia, all'uguaglianza, alla sobrieta' e alla condivisione''.

Un atteggiamento questo, precisa il papa, non dettato da semplice filantropia ma orientato alla stessa ''imitazione del nostro Maestro''. Per questo, aggiunge, ''noi cristiani siamo chiamati a guardare le miserie dei fratelli, a toccarle, a farcene carico e a operare concretamente per alleviarle''. Una miseria, quella che pervade il mondo, si legge nel Messaggio del papa per la Quaresima, che spesso non coincide con la sola poverta' materiale, ma che spinge l'uomo a perdere fiducia, solidarieta' e speranza. ''Possiamo distinguere tre tipi di miseria: la miseria materiale, la miseria morale e la miseria spirituale. - e' infatti il pensiero di papa Bergoglio - La miseria materiale e' quella che comunemente viene chiamata poverta' e tocca quanti vivono in una condizione non degna della persona umana: privati dei diritti fondamentali e dei beni di prima necessita' quali il cibo, l'acqua, le condizioni igieniche, il lavoro, la possibilita' di sviluppo e di crescita culturale. Di fronte a questa miseria la Chiesa offre il suo servizio, la sua diakonia, per andare incontro ai bisogni e guarire queste piaghe che deturpano il volto dell'umanita'''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale