mercoledì 22 febbraio | 21:29
pubblicato il 04/feb/2014 12:00

Papa: cristiani si battano per equa distribuzione ricchezza e giustizia

Papa: cristiani si battano per equa distribuzione ricchezza e giustizia

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 4 feb 2014 - ''Nei poveri e negli ultimi noi vediamo il volto di Cristo; amando e aiutando i poveri amiamo e serviamo Cristo''. Questo il messaggio di papa Francesco per la prossima Quaresima, tempo di preparazione per tutti i cristiani alla Pasqua.

Nel suo primo messaggio per questo tempo fondamentale nella vita dei credenti, papa Francesco ha scelto un tema a lui caro: riprendendo le parole di San Paolo (II lettera ai Corinti): ''Si e' fatto povero per arricchirci con la sua poverta''', il papa ha voluto, infatti, toccare uno dei punti cardine del suo pontificato, quello che vede i cristiani 'uscire' per andare incontro alle poverta' del mondo. Distinguendo tra diversi tipi di poverta', Francesco ha, quindi, invitato i cristiani ad ''orientare'' il proprio impegno ''anche a fare in modo che - ha scritto nel suo messaggio - cessino nel mondo le violazioni della dignita' umana, le discriminazioni e i soprusi, che, in tanti casi, sono all'origine della miseria''. ''Quando il potere, il lusso e il denaro diventano idoli, - ha quindi ricordato - si antepongono questi all'esigenza di una equa distribuzione delle ricchezze. Pertanto, e' necessario che le coscienze si convertano alla giustizia, all'uguaglianza, alla sobrieta' e alla condivisione''.

Un atteggiamento questo, precisa il papa, non dettato da semplice filantropia ma orientato alla stessa ''imitazione del nostro Maestro''. Per questo, aggiunge, ''noi cristiani siamo chiamati a guardare le miserie dei fratelli, a toccarle, a farcene carico e a operare concretamente per alleviarle''. Una miseria, quella che pervade il mondo, si legge nel Messaggio del papa per la Quaresima, che spesso non coincide con la sola poverta' materiale, ma che spinge l'uomo a perdere fiducia, solidarieta' e speranza. ''Possiamo distinguere tre tipi di miseria: la miseria materiale, la miseria morale e la miseria spirituale. - e' infatti il pensiero di papa Bergoglio - La miseria materiale e' quella che comunemente viene chiamata poverta' e tocca quanti vivono in una condizione non degna della persona umana: privati dei diritti fondamentali e dei beni di prima necessita' quali il cibo, l'acqua, le condizioni igieniche, il lavoro, la possibilita' di sviluppo e di crescita culturale. Di fronte a questa miseria la Chiesa offre il suo servizio, la sua diakonia, per andare incontro ai bisogni e guarire queste piaghe che deturpano il volto dell'umanita'''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech