domenica 04 dicembre | 09:45
pubblicato il 16/apr/2013 11:41

Papa: Concilio frutto Spirito. Ma quante voci vogliono tornare indietro

Papa: Concilio frutto Spirito. Ma quante voci vogliono tornare indietro

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 16 apr - ''Per dirlo chiaramente: lo Spirito Santo ci da' fastidio. Perche' ci muove, ci fa camminare, spinge la Chiesa ad andare avanti. E noi siamo come Pietro nella Trasfigurazione: ''Ah, che bello stare cosi', tutti insieme!'... ma che non ci dia fastidio.

Vogliamo che lo Spirito Santo si assopisca ... vogliamo addomesticare lo Spirito Santo. E quello non va. Perche' Lui e' Dio e Lui e' quel vento che va e viene e tu non sai da dove. E' la forza di Dio, e' quello che ci da' la consolazione e la forza per andare avanti. Ma: andare avanti! E questo da fastidio. La comodita' e' piu' bella''. Lo ha detto oggi papa Francesco nella sua omelia durante la messa nella cappellina della residenza di Santa Marta in Vaticano, alla presenza di alcuni dipendenti del Governatorato. Una messa mattutina, riferisce la Radio Vaticana, dedicata al papa emerito Benedetto XVI nel giorno del suo 86.mo compleanno. Continuando la sua riflessione sullo Spirito Santo, lo stesso che spinse Stefano a proclamare Cristo senza paura davanti al Sinedrio, fino alla morte, il papa ha quindi aggiunto: ''Oggi sembra che siamo tutti contenti per la presenza dello Spirito Santo, ma non e' vero. Questa tentazione ancora e' di oggi. Un solo esempio: pensiamo al Concilio''.

''Il Concilio e' stato un'opera bella dello Spirito Santo.- ha infatti spiegato papa Bergoglio - Pensate a Papa Giovanni: sembrava un parroco buono e lui e' stato obbediente allo Spirito Santo e ha fatto quello. Ma dopo 50 anni, abbiamo fatto tutto quello che ci ha detto lo Spirito Santo nel Concilio? In quella continuita' della crescita della Chiesa che e' stato il Concilio? No. Festeggiamo questo anniversario, facciamo un monumento, ma che non dia fastidio.

Non vogliamo cambiare. Di piu': ci sono voci che vogliono andare indietro. Questo si chiama essere testardi, questo si chiama voler addomesticare lo Spirito Santo, questo si chiama diventare stolti e lenti di cuore''.

Ma lo stesso, ha detto ancora il pontefice, succede ''anche nella nostra vita personale''. Infatti, ''lo Spirito ci spinge a prendere una strada piu' evangelica'', ma noi resistiamo. Questa, dunque, e' stata l'esortazione finale: ''non opporre resistenza allo Spirito Santo. E' lo Spirito che ci fa liberi, con quella liberta' di Gesu', con quella liberta' dei figli di Dio!''. ''Non opporre resistenza allo Spirito Santo: e' questa la grazia che io vorrei che tutti noi chiedessimo al Signore: la docilita' allo Spirito Santo, a quello Spirito che viene da noi e ci fa andare avanti nella strada della santita', quella santita' tanto bella della Chiesa. La grazia della docilita' allo Spirito Santo. Cosi' sia''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari