sabato 03 dicembre | 14:43
pubblicato il 14/feb/2013 12:48

Papa: Concilio dei media prevalse su quello vero

Papa: Concilio dei media prevalse su quello vero

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 14 feb - ''Le calamita' e le miserie'' seguite, per la Chiesa, al Concilio Vaticano II sono state la conseguenza del prevalere ''del Concilio dei media, piu' accessibile a tutti, sul Concilio vero''. Lo ha detto papa Benedetto XVI, che nell'aula Paolo VI in Vaticano, ha ripercorso, da testimone diretto, i lavori dell'assise ecumenica, incontrando il clero di Roma. Il papa ha ricordato come ''il mondo ha percepito il Concilio tramite i media. Il Concilio dei Padri - ha poi detto - era tutto all'interno della fede, il Concilio dei giornalisti, era nella categoria del mondo, fuori dalla fede e con l'ermeneutica politica. Insomma per loro era una lotta politica e di potere''. Da qui, secondo papa Ratzinger, si cristallizzarono le posizioni che portarono anche a banalizzare la liturgia e ad intendere la sacralita' come un puro fatto di paganesimo. ''La traduzione e la banalizzazione dell'idea del Concilio - ha poi spiegato - fece emergere una visione di quella assise fuori dalla chiave di fede''. Ma questa visione errata, a 50 anni dal Concilio, ha poi concluso il papa, si sta ''rompendo'' facendo apparire ''il Concilio vero''. Da qui l'invito a lavorare per una sua piena e vera attuazione anche oggi. gc/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari