martedì 28 febbraio | 13:12
pubblicato il 16/nov/2013 17:01

Papa: Chiesa non si senta gia' soddisfatta altrimenti si ammala

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 16 nov - ''E' vitale per la Chiesa non chiudersi, non sentirsi gia' soddisfatta e sicura con quel che ha raggiunto. Se succede questo, la Chiesa si ammala, si ammala di abbondanza immaginaria, di abbondanza superflua, in certo modo 'fa indigestione' e si debilita''.

Lo afferma papa Francesco in un video-messaggio inviato ai partecipanti al Pellegrinaggio-Incontro presso il Santuario di Nostra Signora di Guadalupe, che si tiene a Citta' del Messico dal 16 fino al 19 novembre 2013, indetto in occasione dell'Anno della fede dalla Pontificia Commissione per l'America Latina.

''Bisogna uscire dalla propria comunita' e avere l'audacia di arrivare alle periferie esistenziali - ha aggiunto il papa - che hanno bisogno di sentire la vicinanza di Dio.

Lui non abbandona nessuno e mostra sempre la Sua tenerezza e la Sua misericordia inesauribile, quindi, questo e' cio' che bisogna portare a tutta la gente''.

dab/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tumore mammella, migliorare diagnosi con tomografia multimodale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech