lunedì 05 dicembre | 04:00
pubblicato il 29/mag/2013 11:00

Papa: Chiesa non e' organizzazione nata da accordo umano ma opera di Dio

Papa: Chiesa non e' organizzazione nata da accordo umano ma opera di Dio

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 29 mag - ''La Chiesa non e' un'organizzazione nata da un accordo di alcune persone, ma, come ci ha ricordato tante volte il papa Benedetto XVI, e' opera di Dio, nasce proprio da questo disegno di amore che si realizza progressivamente nella storia''. Lo ha detto papa Francesco nella catechesi durante l'udienza generale in piazza San Pietro.

La Chiesa, ha ricordato Francesco, ''nasce dal desiderio di Dio di chiamare tutti gli uomini alla comunione con Lui, alla sua amicizia, anzi a partecipare come suoi figli della sua stessa vita divina. La stessa parola 'Chiesa', dal greco ekklesia, significa 'convocazione': Dio ci convoca, ci spinge ad uscire dall'individualismo, dalla tendenza a chiudersi in se stessi e ci chiama a far parte della sua famiglia. E questa chiamata ha la sua origine nella stessa creazione''. ''Dio - ha aggiunto il papa - ci ha creati perche' viviamo in una relazione di profonda amicizia con Lui, e anche quando il peccato ha rotto questa relazione con Lui, con gli altri e con il creato, Dio non ci ha abbandonati. Tutta la storia della salvezza e' la storia di Dio che cerca l'uomo, gli offre il suo amore, lo accoglie''.

dab/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari