martedì 06 dicembre | 11:51
pubblicato il 26/feb/2014 11:47

Papa: chiamare prete per malattia non porta male

Papa: chiamare prete per malattia non porta male

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 26 feb 2014 - ''C'e' l'idea che chiamare il prete porti mala fortuna, che dopo il sacerdote arriva l'impresario delle pompe funebri... Ma questo non e' vero!''. Lo ha detto oggi papa Francesco parlando, fuori dal testo preparato per la catechesi del mercoledi', tutta incentrata sul sacramento sul sacramento dell'unzione dei malati.

Papa Francesco ha, quindi, ricordato che ''il sacerdote viene per aiutare il malato o l'anziano'' ed e' come Gesu' ''che arriva, per sollevare, per dare forza e speranza, per aiutare e anche per perdonare i peccati''. ''L'unzione - ha quindi concluso - e' la sicurezza della vicinanza di Gesu' al malato come all'anziano: ogni persona oltre i 65 anni puo' ricevere questo sacramento''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari