martedì 06 dicembre | 11:42
pubblicato il 14/mar/2013 14:34

Papa: Basseti (CEU), nuova evangelizzazione, umilta', e nome Francesco

(ASCA) - Perugia, 14 mar - ''Lo Spirito Santo e' colui che fa il Papa e alla fine ci accorgiamo che e' sempre quello che il Signore voleva per un determinato tempo storico della Chiesa.

Le sorprese di Dio sono sempre belle e imprevedibili''. Lo ha detto sottolineando ''la grande bella sorpresa dell'elezione a Papa del cardinale Jorge Mario Bergoglio'', l'arcivescovo di Perugia mons. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale umbra e vice presidente della CEI.

Bassetti nel commentare l'elezione di Papa Francesco I ai microfoni di ''Umbria Radio'', emittente della curia, nella diretta con ''InBlu'' del circuito radiofonico nazionale della Cei in onda stamane, si e' soffermato su ''tre elementi significativi' del nuovo Pontefice, colti dalle parole pronunciate e dai gesti compiuti dallo stesso Papa poco dopo la sua elezione: la Nuova evangelizzazione, l'umilta' nell'inchinarsi verso il popolo di Dio e la scelta del nome.

''Papa Francesco - ha affermato Bassetti - mi sembra che si sia preparato anche allo stile che deve essere la Nuova evangelizzazione, presentandosi in maniera molto semplice, come Vescovo di Roma e, in quanto Vescovo di Roma, presiede nella carita' tutta la Chiesa. Ha messo proprio l'accento su quello che e' il suo ruolo fondamentale di Vescovo di Roma.

Ha detto di voler curare la sua Diocesi, rivolgendosi direttamente al suo Vicario, il cardinale Agostino Vallini, dicendo: ''mi faro' aiutare'' e ''insieme''. Anche questo e' un incoraggiamento a tutti i vescovi delle Diocesi del mondo a curare con amore il gregge che loro e' stato affidato, proprio sull'esempio di Pietro''. Sull'''atto di umilta''' compiuto dal Santo Padre, l'arcivescovo Bassetti dice che si tratta di un ''gesto profondamente conciliare, di riconoscere nel popolo santo di Dio il soggetto della Chiesa. Il Papa si e' come inchinato dinanzi alla sua Chiesa prima di iniziare il suo ministero, chiedendo di essere lui benedetto e protetto dal suo popolo.

''Infine il nome, perche' ''Francesco e' la persona umile, Francesco e' colui che esprime piu' di ogni altro nella Chiesa il senso della fraternita', il senso dell'accoglienza.

Oggi c'e' un mondo talmente ferito, che veramente questo gesto di fraternita' e di accoglienza, che subito il Papa ha fatto anche dandosi il nome di Francesco, e' stato colto dal cuore di tutta la gente''.

pg/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari