domenica 04 dicembre | 01:33
pubblicato il 11/ott/2013 13:10

Papa: bandire per sempre antisemitismo. Vigilare contro intolleranza

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 11 ott - ''Mantenere sempre vigile la nostra attenzione affinche' non riprendano vita, sotto nessun pretesto, forme di intolleranza e di antisemitismo, a Roma e nel resto del mondo. L'antisemitismo sia bandito dal cuore e dalla vita di ogni uomo e di ogni donna!''. A chiederlo e' papa Francesco che stamane ha ricevuto stamane in Vaticano una Delegazione della Comunita' Ebraica di Roma, in occasione del 70* anniversario della deportazione degli Ebrei di Roma. Presenti il Rabbino Capo di Roma, Riccardo Di Segni, il Presidente della Comunita' ebraica di Roma, Riccardo Pacifici, e il Presidente dell'Unione delle Comunita' Ebraiche Italiane, Renzo Gattegna. Il papa, parlando a braccio, e' poi tornato a ribadire che l'antisemitismo e' ''una contraddizione'' soprattuto per i cristiani che ''hanno radici comuni'' con gli ebrei e che un cristiano, quindi, ''non puo' mai essere antisemita''.

''Paradossalmente, - ha detto il papa - la comune tragedia della guerra ci ha insegnato a camminare insieme''.

Da qui il ricordo del 70* anniversario della deportazione degli Ebrei di Roma che porto', ha aggiunto papa Bergoglio, a ''tante vittime innocenti della barbarie umana, con le loro famiglie''.

''Quell'anniversario ci permettera' anche - ha aggiunto Francesco - di ricordare come nell'ora delle tenebre, la comunita' cristiana di questa citta' abbia saputo tendere la mano al fratello in difficolta'. Sappiamo come molti istituti religiosi, monasteri e le stesse Basiliche Papali, interpretando la volonta' del Papa, abbiano aperto le loro porte per una fraterna accoglienza, e come tanti cristiani comuni abbiano offerto l'aiuto che potevano dare, piccolo o grande che fosse''.

Il papa ha poi invitato cristiani ed ebrei ad approfondire la ''riflessione teologica attraverso il dialogo''. Ma ''e' anche vero che esiste un dialogo vitale, quello dell'esperienza quotidiana, che non e' meno fondamentale. - ha spiegato - Anzi, senza questo, senza una vera e concreta cultura dell'incontro, che porta a relazioni autentiche, senza pregiudizi e sospetti, a poco servirebbe l'impegno in campo intellettuale''. Un dialogo ed una conoscenza che non sempre ci sono stati anche a Roma. '' Come Vescovo di Roma, sento particolarmente vicina la vita della Comunita' ebraica dell'Urbe: so che essa, - ha affermato il papa - con oltre duemila anni di ininterrotta presenza, puo' vantarsi di essere la piu' antica dell'Europa occidentale. Da molti secoli dunque, la Comunita' ebraica e la Chiesa di Roma convivono in questa nostra citta', con una storia - lo sappiamo bene - che e' stata spesso attraversata da incomprensioni e anche da autentiche ingiustizie. E' una storia, pero', che, con l'aiuto di Dio, - ha concluso il pontefice - ha conosciuto ormai da molti decenni lo sviluppo di rapporti amichevoli e fraterni''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari