sabato 03 dicembre | 23:43
pubblicato il 21/gen/2014 19:34

Papa: appello a Davos, intollerabile che migliaia ogni giorno muoiano di fame

Papa: appello a Davos, intollerabile che migliaia ogni giorno muoiano di fame

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 21 gen 2014 - ''Non si puo' tollerare che migliaia di persone muoiano ogni giorno di fame, pur essendo disponibili ingenti quantita' di cibo, che spesso vengono semplicemente sprecate''. Cosi' papa Francesco nel messaggio inviato a Klaus Schwab, Fondatore e Presidente esecutivo del World Economic Forum, in occasione del 44* incontro annuale di Davos (Svizzera) che si apre domani. Il messaggio e' stato letto dal cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson, Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.

''Vi chiedo di fare in modo che la ricchezza sia al servizio dell'umanita' e non la governi'', scrive quindi il papa.    ''Sono convinto - prosegue - che a partire da tale apertura alla trascendenza potrebbe formarsi una nuova mentalita' politica ed imprenditoriale, capace di guidare tutte le azioni economiche e finanziarie nell'ottica di un'etica veramente umana. La comunita' imprenditoriale internazionale puo' contare su molti uomini e donne di grande onesta' e integrita' personale, il cui lavoro e' ispirato e guidato da alti ideali di giustizia, generosita' e preoccupazione per l'autentico sviluppo della famiglia umana''. ''Vi esorto, percio' - sottolinea il papa - ad attingere a queste grandi risorse morali e umane, e ad affrontare tale sfida con determinazione e con lungimiranza. Senza ignorare, naturalmente, la specificita' scientifica e professionale di ogni contesto''. ''Non possono lasciare indifferenti i numerosi profughi in cerca di condizioni di vita minimamente degne, che non solo non trovano accoglienza, ma non di rado vanno incontro alla morte in viaggi disumani'', scrive inoltre il pontefice. ''Sono consapevole che queste parole sono forti, persino drammatiche - aggiunge -, tuttavia esse intendono sottolineare, ma anche sfidare, la capacita' di influire di codesto uditorio. Infatti, coloro che, con il loro ingegno e la loro abilita' professionale, sono stati capaci di creare innovazione e favorire il benessere di molte persone, possono dare un ulteriore contributo, mettendo la propria competenza al servizio di quanti sono tuttora nell'indigenza''. Per questo Francesco ha richiamato ad ''un rinnovato, profondo ed esteso senso di responsabilita' da parte di tutti''. dab/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari