venerdì 09 dicembre | 07:06
pubblicato il 23/mag/2013 18:51

Papa: a vescovi italiani, no 'chierici Stato' preoccupati solo strutture

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 23 mag - I vescovi non si trasformino in ''chierici di Stato'' preoccupati solo della loro ''prospettiva di carriera'' o gestori ''dell'organizzazione e delle strutture'' ecclesiali, ma restino sempre veri pastori, privi ''di ogni supponenza'', capaci di ''chinarsi su quanti il Signore ha affidato alla nostra sollecitudine'', soprattutto i piu' poveri e coloro che ''temono di non farcela''. A chiederlo e' papa Francesco nella sua meditazione di questo pomeriggio nella Basilica di San Pietro rivolta all'episcopato italiano riunito per la solenne Professione di Fede. Ai presuli convenuti a Roma per la 65.ma Assemblea generale della Cei, ha ricordato che ''anche l'amore piu' grande, quando non e' continuamente alimentato, si affievolisce e si spegne''. ''Non siamo espressione di una struttura o di una necessita' origanizzativa'', ha poi aggiunto il papa ''anche con il servizio della nostra autorita' siamo chiamati a essere segno della presenza e dell'azione del Sigonre risorto, a edificare, quindi, la comunita' nella carita' fraterna''.

''La mancata vigilanza, lo sappiamo - ha quindi aggiunto papa Francesco - rende tiepido il Pastore; lo fa distratto, dimentico e persino insofferente; lo seduce con la prospettiva della carriera, la lusinga del denaro e i compromessi con lo spirito del mondo; lo impigrisce, trasformandolo in un funzionario, un 'chierico di Stato' preoccupato piu' di se', dell'organizzazione e delle strutture, che del vero bene del Popolo di Dio''.

''Essere Pastori - ha ancora affermato il papa - significa credere ogni giorno nella grazia e nella forza che ci viene dal Signore, nonostante la nostra debolezza, e assumere fino in fondo la responsabilita' di camminare innanzi al gregge, sciolti da pesi che intralciano la sana celerita' apostolica, e senza tentennamenti nella guida, per rendere riconoscibile la nostra voce sia da quanti hanno abbracciato la fede, sia da coloro che ancora 'non sono di questo ovile'''.

Essere Pastori, ha proseguito il pontefice, ''vuol dire anche disporsi a camminare in mezzo e dietro al gregge: capaci di ascoltare il silenzioso racconto di chi soffre e di sostenere il passo di chi teme di non farcela; attenti a rialzare, a rassicurare e a infondere speranza. Dalla condivisione con gli umili la nostra fede esce sempre rafforzata: mettiamo da parte, quindi, - ha concluso papa Francesco rivolgendosi ai vescovi - ogni forma di supponenza, per chinarci su quanti il Signore ha affidato alla nostra sollecitudine. Fra questi, un posto particolare riserviamolo ai nostri sacerdoti: soprattutto per loro, il nostro cuore, la nostra mano e la nostra porta restino aperte in ogni circostanza''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni