giovedì 08 dicembre | 22:00
pubblicato il 13/gen/2015 14:41

Papa a religioni: invitiamo i credenti a vivere fedi nella pace

In questo "dobbiamo essere chiari e non equivoci"

Papa a religioni: invitiamo i credenti a vivere fedi nella pace

Roma, 13 gen. (askanews) - "Per il bene della pace, non si deve permettere che le credenze religiose vengano abusate per la causa della violenza o della guerra. Dobbiamo essere chiari e non equivoci nell'invitare le nostre comunità a vivere pienamente i precetti di pace e convivenza presenti in ciascuna religione e denunciare gli atti di violenza quando vengono commessi". Questo l'invito giunto dallo Sri Lanka alle altre religioni da Papa Francesco.

Il Pontefice, partecipando all'incontro Interreligioso che si svolge nel Bandaranaike Memorial International Conference Hall di Colombo, ed al quale prendono parte esponenti delle principali famiglie religiose dello Sri Lanka con un migliaio di rappresentanti delle varie Comunità buddista, hindu, musulmana ed alcune confessioni cristiane, ha invitato tutti alla riconciliazione e al dialogo tra le diverse credenze religione ricordando che, ha detto, "perché tale dialogo ed incontro sia efficace, deve fondarsi su una presentazione piena e schietta delle nostre rispettive convinzioni. Certamente tale dialogo farà risaltare quanto siano diverse le nostre credenze, tradizioni e pratiche". "Tuttavia - ha subito aggiunto Bergoglio - se siamo onesti nel presentare le nostre convinzioni, saremo in grado di vedere più chiaramente quanto abbiamo in comune. Nuove strade si apriranno per la mutua stima, cooperazione e anche amicizia".

Ringraziando per la calorosa accoglienza avuta nel paese, Francesco ha poi detto che proprio gli "sviluppi positivi nelle relazioni interreligiose ed ecumeniche assumono un significato particolare ed urgente nello Sri Lanka" di oggi dove "per troppi anni gli uomini e le donne sono stati vittime di lotta civile e di violenza. Ciò di cui ora c'è bisogno è il risanamento e l'unità, non ulteriori conflitti o divisioni". Quindi "la promozione del risanamento e dell'unità è un impegno nobile che incombe su tutti coloro che hanno a cuore il bene della Nazione e dell'intera famiglia umana". La via indicata dal Papa è quella "della collaborazione interreligiosa ed ecumenica" la sola in grado di dimostrare che "per vivere in armonia con i loro fratelli e sorelle, gli uomini e le donne non devono dimenticare la propria identità, sia essa etnica o religiosa".

Il discorso del Papa alle diverse realtà religiose del paese è stata preceduta dalla firma del Libro d'Oro, mentre papa Bergoglio, entrando nell'edificio, è stato accolto da musiche tradizionali e dal saluto del Vescovo di Ratnapura e incaricato per il Dialogo Interreligioso della Conferenza Episcopale dello Sri Lanka, monsignor Cletus Chandrasiri Perera, che lo ha presentato agli altri partecipanti all'incontro.

Sono seguiti, quindi, un canto buddista, le benedizioni hindu e musulmana, la preghiera del Gruppo ecumenico e il discorso pronunciato da un monaco buddista.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni