martedì 06 dicembre | 21:38
pubblicato il 06/giu/2013 14:59

Papa: a diplomatici, non rendetevi ridicoli. O santi o tornate parroci

Papa: a diplomatici, non rendetevi ridicoli. O santi o tornate parroci

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 6 giu - ''Per favore, non rendetevi ridicoli: o santi o tornate in diocesi a fare il parroco; ma non siate ridicoli nella vita diplomatica, dove per un sacerdote vi sono tanti pericoli per la vita spirituale''. Lo ha detto papa Francesco ricevendo in udienza questa mattina, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, i membri della Comunita' della Pontificia Accademia Ecclesiastica, cioe' l'istituzione in cui si formano i sacerdoti che si preparano a far parte del servizio diplomatico della Santa Sede.

''Questo e' importante - ha aggiunto il papa - sentite bene: quando in Nunziatura c'e' un Segretario o un Nunzio che non va per la via della santita' e si lascia coinvolgere nelle tante forme, nelle tante maniere di mondanita' spirituale, si rende ridicolo e tutti ridono di lui''. dab/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni