lunedì 23 gennaio | 00:08
pubblicato il 20/set/2013 12:49

Papa: 'si'' senza tentennamenti a vita. Volto di Dio in bimbi non nati

Papa: 'si'' senza tentennamenti a vita. Volto di Dio in bimbi non nati

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 20 set - ''Ogni bambino non nato, ma condannato ingiustamente ad essere abortito, ha il volto del Signore, che prima ancora di nascere, e poi appena nato ha sperimentato il rifiuto del mondo. E ogni anziano, anche se infermo o alla fine dei suoi giorni, porta in se' il volto di Cristo. Non si possono scartare!''. Lo ha detto oggi papa Francesco ricevendo in Vaticano un gruppo di ginecologi che stanno partecipando all'Incontro promosso dalla Federazione Internazionale delle Associazioni dei Medici Cattolici.

Il papa ha, cosi' voluto ribadire il ''si' deciso e senza tentennamenti alla vita'', come risposta alla ''diffusa mentalita' dell'utile, la 'cultura dello scarto', che oggi - ha detto Francesco - schiavizza i cuori e le intelligenze di tanti'' e che ha, ha fatto notare, ''un altissimo costo'' perche' ''richiede di eliminare esseri umani, soprattutto se fisicamente o socialmente piu' deboli''.

Rivolgendosi poi direttamente ai medici cattolici, il papa ha sottolinato quello che ha definito ''una situazione paradossale'' che riguarda la professione medica. ''Da una parte constatiamo, e ringraziamo Dio ,- ha notato - per i progressi della medicina, grazie al lavoro di scienziati che, con passione e senza risparmio, si dedicano alla ricerca di nuove cure. Dall'altra, pero', riscontriamo anche il pericolo che il medico smarrisca la propria identita' di servitore della vita''. In questo senso papa Francesco parla esplicitamente di ''disorientamento culturale'' che ha ormai ''intaccato anche quello che sembrava un ambito inattaccabile'', quello della medicina.

''La situazione paradossale - ha poi detto il papa - si vede nel fatto che, mentre si attribuiscono alla persona nuovi diritti, a volte anche presunti, non sempre si tutela la vita come valore primario e diritto primordiale di ogni uomo''. Bergoglio ha cosi' ribadito che ''il fine ultimo dell'agire medico rimane sempre la difesa e la promozione della vita''. ''Nell'essere umano fragile ciascuno di noi - ha qundi concluso - e' invitato a riconoscere il volto del Signore, che nella sua carne umana ha sperimentato l'indifferenza e la solitudine a cui spesso condanniamo i piu' poveri, sia nei Paesi in via di sviluppo, sia nelle societa' benestanti''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4