martedì 24 gennaio | 16:48
pubblicato il 16/apr/2013 12:16

Palermo/Rifiuti: Orlando, Amia in crisi ma difenderemo i lavoratori

(ASCA) - Palermo, 16 apr - ''Ho messo a corrente ieri il ministro Clini sulla gravita' del problema rifiuti a Palermo, frutto di dieci anni di malamministrazione, che hanno portato, tre anni fa, la procura di Palermo a chiedere il fallimento dell'Amia e a mettere sotto processo gli amministratori di allora. Dopodiche', per evitare il fallimento, applicando la legge Marzano, il ministro dello sviluppo economico ha nominato 3 amministratori che avrebbero dovuto risanare l'azienda, obiettivo che, dopo 3 anni, e' stato mancato''. Lo ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando a 'Prima di tutto', radio 1, in merito alla situazione di crisi dell'Amia e della gestione rifiuti nel capoluogo siciliano.

''Azienda - ha aggiunto - per la quale il comune di Palermo paga tantissimo, 150 milioni di euro l'anno, cifra che consentirebbe una gestione ottimale impedita negli anni da sprechi e ruberie, per i quali sono i corso processi con il Comune costituito parte civile. Io sono stato costretto a fare denuncia formale alla procura non solo nei confronti dei vecchi amministratori ma anche nei confronti di questi nuovi amministratori straordinari che hanno portato questa azienda sostanzialemente al fallimento. Da 3 anni a questa parte, l'azienda perde oltre 2 milioni di euro al mese''. ''Il comune di Palermo ha dato molte garanzie per un concordato - ha sottolineato - per separare la bad company dalla new company, ma il tribunale ha rigettato il concordato non perche' lo ha ritenuto irricevibile, ma perche' ritiene che la Newco, che nascerebbe dalle ceneri della vecchia Amia, sia in condizioni talmente disatrose da non far apparire possibile una sua ripresa. Questo nonostante l'impegno formale, espresso dalla mia amministrazione, che si impegnava a vigilare sul corretto equilibrio finanziario della nuova azienda''. Sul problema della possibile perdita di posti di lavoro in caso di fallimento, il sindaco Orlando ha detto: ''Sono 2600 circa i dipendenti dell'Amia, ma la loro sorte si potra' valutare solo dopo il pronunciamento del tribunale. Noi come amministrazione ci impegniamo a salvaguardare tutti i posti di lavoro. Per fronteggiare l'emergenza, ho disposto un'ordinanza che indirizza mezzi di altre aziende sull'emergenza rifiuti, che pero' nulla possono se si crea un disservizio di 2-3 ore e si accumula un arretrato difficle da smaltire. In tutto questo c'e' la drammatica situazione della discarica di Bellolampo, ormai prossima alla saturazione e sottoposta ad interventi di sequestri giudiziari per quella che una volta era una discarica modello, a norma europea'' com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4