sabato 03 dicembre | 10:55
pubblicato il 29/gen/2013 13:16

Palermo, temono licenziamento: protestano impiegati poste private

Dopo la riduzione dei servizi affidatigli da Poste italiane

Palermo, temono licenziamento: protestano impiegati poste private

Palermo, (askanews) - Si profila lo spettro del licenziamento nel futuro dei dipendenti delle agenzie dei servizi postali privati, che a Palermo hanno manifestato davanti agli uffici centrali delle Poste Italiane, in via De Gasperi.La protesta nasce dagli annunciati licenziamenti nel settore, dopo la diminuzione, da parte di Poste italiane, del volume di servizi da affidare alle agenzie. Volume destinato a calare ulteriormente del 20% nei prossimi mesi.Per il coordinatore nazionale di Slc Cgil Sicilia, Nicola De Ceglie Poste Italiane, con una scelta schizofrenica sta internalizzando dei lotti per circa 25 milioni di euro. "Poste Italiane essendo ex monopolista ha una serie di agevolazioni dallo Stato, però non si può comportare da pubblico per prendere e da privato quando vuole tagliare, questa cosa non va bene".Nel quadro complessivo nazionale, i tagli interesseranno circa 2mila lavoratori, nella sola Sicilia sono più di cinquanta.

Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari