martedì 21 febbraio | 11:37
pubblicato il 01/feb/2012 14:01

Palermo soffoca tra i rifiuti, la raccolta procede a rilento

I lavoratori Amia chiedono di sbloccare i fondi

Palermo soffoca tra i rifiuti, la raccolta procede a rilento

Palermo, (askanews) - Palermo soffoca tra i rifiuti. Sono oltre 1.800, infatti, le tonnellate di immondizia che invadono le strade del capoluogo siciliano. Una situazione complicata dalle piogge abbondanti delle ultime ore. Dietro questi disagi una raccolta che procede a rilento a causa delle ore d'assemblea, due per ciascun turno, dei dipendenti dell'Amia, l'azienda che si occupa della gestione dei rifiuti. I lavoratori, che sono scesi in piazza contro l'amministrazione comunale, chiedono che da Palazzo delle Aquile vengano sbloccati i fondi chiesti da tempo dai commissari straordinari per adeguare il contratto di servizio. Se dal Comune non arriveranno i soldi, potrebbe essere avviato il piano di mobilità per oltre 800 impiegati. Per giovedì 2 febbraio è previsto un incontro con il prefetto Umberto Postiglione, i rappresentanti sindacali e il commissario per uscire dall'emegenza.

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia