giovedì 23 febbraio | 06:37
pubblicato il 22/nov/2011 15:09

Palermo, sequestro da 1,5 mln a imprenditore condannato per mafia

Il 61enne Domenico D'Amico fu condannato nel 2005

Palermo, sequestro da 1,5 mln a imprenditore condannato per mafia

Un sequestro di 1 milione e mezzo di beni a un imprenditore già condannato per associazione mafiosa. E' il colpo messo a segno dalla Direzione investigativa antimafia di Palermo ai danni del 61enne Domenico D'Amico. L'uomo nel 2005 era stato condannato per avere svolto attività di informazione a favore di Salvatore Zanca, collaboratore di giustizia, in merito alla gestione degli appalti pubblici e privati. Il provvedimento, che ha origine da una proposta del direttore della Dia, riguarda tra l'altro, il complesso dei beni della Sud Euro Scavi, una società formalmente intestata ai nipoti di D'Amico che sono risultati solo dei prestanome. L'imprenditore, infatti, dopo aver espiato la pena, è tornato ad operare nel settore degli appalti a Palermo

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech