venerdì 20 gennaio | 17:54
pubblicato il 16/nov/2011 10:40

Palermo, sequestrati beni per 32 mln a cosca Brancaccio

Fratelli Graviano investivano nella distribuzione di carburante

Palermo, sequestrati beni per 32 mln a cosca Brancaccio

Ville, negozi, terreni, distributori di benzina, bar e agenzie di scommesse nel palermitano per un valore complessivo di oltre 32 milioni di euro messi sotto sequestro dal Nucleo Speciale Polizia Valutaria e del Gico di Palermo. E' stata battezzata "Madre natura" l'operazione antimafia che ha colpito lo storico mandamento palermitano di Brancaccio ex "feudo" dei fratelli Filippo e Giuseppe Graviano. Le attività commerciali e i beni immobili erano intestatate prestanome e fiduciari, ma di fatto erano riconducibili alla criminalità organizzata.Le forze dell'ordine, inoltre, hanno accertato come proprio nel settore della distribuzione di carburante, i due capimafia avessero investito ingenti capitali, acquisendo, sin dai primianni '90, aree di servizio in zone strategiche della città.

Gli articoli più letti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire