martedì 06 dicembre | 01:57
pubblicato il 02/set/2014 18:13

Palermo, senza stipendio da mesi decide di vendere un rene

L'uomo è un dipendente di un ente formativo

Palermo, senza stipendio da mesi decide di vendere un rene

Palermo, (askanews) - Da 21 mesi non percepisce lo stipendio, né assegni di sussidio, così, per far fronte alle spese di prima necessità per sé e la sua famiglia, decide di mettere in vendita un rene. Succede a Palermo, dove Mimmo Di Fede, 59enne dipendente dello Ial Sicilia, un ente della Formazione a cui la Regione Siciliana ha revocato l'accreditamento per irregolarità, ha pubblicato il suo annuncio shock su internet."Non si può andare avanti in questo modo, io devo dare da vivere alla mia famiglia, abbiamo debiti, casa da pagare ecc. Io vivo di assistenza di amici e dalla Caritas, che mi aiutano ad andare avanti. Ma non è più possibile continuare in questo modo"L'uomo, sposato e padre di due figli, come ha spiegato più volte, preferirebbe vendere un rene, in attesa di una risposta da parte della politica, piuttosto che finire nel vortice degli usurai".

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari