mercoledì 22 febbraio | 05:39
pubblicato il 02/set/2014 18:13

Palermo, senza stipendio da mesi decide di vendere un rene

L'uomo è un dipendente di un ente formativo

Palermo, senza stipendio da mesi decide di vendere un rene

Palermo, (askanews) - Da 21 mesi non percepisce lo stipendio, né assegni di sussidio, così, per far fronte alle spese di prima necessità per sé e la sua famiglia, decide di mettere in vendita un rene. Succede a Palermo, dove Mimmo Di Fede, 59enne dipendente dello Ial Sicilia, un ente della Formazione a cui la Regione Siciliana ha revocato l'accreditamento per irregolarità, ha pubblicato il suo annuncio shock su internet."Non si può andare avanti in questo modo, io devo dare da vivere alla mia famiglia, abbiamo debiti, casa da pagare ecc. Io vivo di assistenza di amici e dalla Caritas, che mi aiutano ad andare avanti. Ma non è più possibile continuare in questo modo"L'uomo, sposato e padre di due figli, come ha spiegato più volte, preferirebbe vendere un rene, in attesa di una risposta da parte della politica, piuttosto che finire nel vortice degli usurai".

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia