sabato 25 febbraio | 15:19
pubblicato il 15/ott/2012 09:46

Palermo, riscuotono la pensione di persone morte: 41 denunciati

Danno da 900mila euro, truffa con false deleghe

Palermo, riscuotono la pensione di persone morte: 41 denunciati

Palermo, (askanews) - Riscuotevano la pensione di persone morte, fingendosi delegati alla riscossione o cointestatari di conti correnti e libretti di risparmio: la Guardia di finanza di Palermo ha denunciato 41 persone, autori di una truffa che durava da anni, in un caso da oltre 25, per un totale di 900mila euro sottratti al Fisco. I finanzieri l'hanno scoperta incrociando i risultati delle banche dati di Inps e Inpdap dei pensionati e quelli dell'Anagrafe del Comune di persone morte negli ultimi anni. I truffatori andavano allo sportello postale con false deleghe o incassavano i soldi con accredito diretto sui conti cointestati con il pensionato, ovviamente già morto. Si tratta dell'ultimo sviluppo dell'operazione "Carissimo estinto", iniziata nel 2011, che ha portato a denunciare in tutto 482 persone per truffa aggravata ai danni dello Stato e falso, per un danno agli enti previdenziali per circa 2 milioni di euro.

Gli articoli più letti
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech