sabato 10 dicembre | 23:58
pubblicato il 18/lug/2011 16:04

Palermo, riscuotevano pensioni di parenti morti: 441 denunciati

Operazione "Carissimo estinto" della Guardia di Finanza

Palermo, riscuotevano pensioni di parenti morti: 441 denunciati

Milano, 18 lug. (askanews) - Per l'anagrafe erano morti, anche da decenni, ma continuavano a riscuotere ancora la pensione. Svelato l'inganno, sono 441 le persone denunciate dalla Guardia di Finanza di Palermo nell'ambito dell'operazione denominata "carissimo estinto". A intascare le somme erano nella maggior parte dei casi parenti o congiunti, delegati dai titolari delle pensioni quando erano ancora in vita. La truffa è costata alle casse dell'Erario circa 800mila euro. Il metodo dei truffatori era ben oliato: o falsificavano la dichiarazione dell'esistenza in vita del titolare della pensione o non ne comunicavano mai il decesso. Fra i casi accertati dalle forze dell'ordine anche quello di una signora che per oltre 10 anni ha continuato a intascare la pensione della madre, dichiarandola "viva" ogni mese.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina