domenica 11 dicembre | 13:44
pubblicato il 09/mag/2013 19:16

Palermo, riaperto il rifugio antiaereo della II Guerra mondiale

Settanta anni fa le bombe che distrussero la città siciliana

Palermo, riaperto il rifugio antiaereo della II Guerra mondiale

Palermo (askanews) - Il 9 maggio di 70 anni fa, Palermo fu rasa al suolo da uno dei più pesanti bombardamenti della seconda guerra mondiale, che costò la vita a 3mila persone, e il ferimento di altre 30mila. Per ricordare quella tragedia, è stato restituito alla città un luogo simbolo di quei giorni: il rifugio antiaereo ricavato nel cortile della scuola "Madre Teresa di Calcutta" in via Maqueda. Il bunker, restaurato recentemente dalle maestranze del Coime,ha contribuito negli anni della guerra a salvare migliaia di vite umane, mentre tutto attorno la città veniva martoriata dalle bombe."I cittadini palermitani quando sentivano le sirene scappavano e si rifugiavano in questi luoghi. Questo è uno dei tanti rifugi antiaerei della nostra città". L'assessore comunale alla Partecipazione, Giusto Catania, insieme al sindaco Leoluca Orlando ha partecipato all'inaugurazione di questo spazio restituito alla città e ai cittadini. Ci si può addentrare tra i cunicoli sotterranei, dove una serie di fotografie e di illustrazioni ricordano i tempi drammatici della seconda guerra mondiale.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina