giovedì 08 dicembre | 19:22
pubblicato il 22/feb/2012 13:17

Palermo, pizzo camuffato da tagliandi lotteria: cinque arresti

Cosche costringevano negozianti a comprare biglietti

Palermo, pizzo camuffato da tagliandi lotteria: cinque arresti

Palermo, (askanews) - Costretti a comprare blocchetti di biglietti della lotteria a 90 euro per pagare il pizzo: a scoprire il meccanismo i carabinieri di Palermo, che hanno arrestato cinque persone con l'accusa di estorsione aggravata dall'avere agevolato Cosa nostra. I magistrati della Dda, che coordina le indagini, hanno individuato un gruppo di estorsori che dal 2007 taglieggiava una pasticceria palermitana, costringendo i titolari a versare, oltre alle "rate" fisse di Natale e Pasqua, un contributo ulteriore per le famiglie dei carcerati, e a fornire ai boss prodotti anche per 750 euro. Con la vendita dei biglietti la cosca nascondeva l'imposizione del pizzo dietro un'attività clandestina e popolare nelle borgate palermitane: così le famiglie mafiose incassavano 9mila euro a settimana. Le somme da versare sono ridotte, meccanismo che garantisce una generale omertà delle vittime: preferiscono pagare che denunciare.

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni