domenica 04 dicembre | 19:46
pubblicato il 08/mag/2013 18:35

Palermo, omicidio Acqua dei Corsari: un 17enne ha confessato

Ma ancora molti punti oscuri restano da chiarire

Palermo, omicidio Acqua dei Corsari: un 17enne ha confessato

Palermo (askanews) - Un ragazzo di 17 anni ha confessato, dopo oltre 14 ore di interrogatorio, l'omicidio di Massimo Pandolfo, l'imprenditore 46enne ucciso con oltre 30 coltellate e il cui cadavere è stato ritrovato lo scorso 26 aprile a Palermo, vicino al Teatro del Sole di Acqua dei corsari. Un delitto che secondo gli investigatori sarebbe maturato negli ambienti gay del capoluogo siciliano. Ma ci sono ancora molti dubbi come spiega Maurizio Scalia, procuratore aggiunto di Palermo."Ci sono una serie di elementi che ci inducono a pensare che il fermato non abbia agito da solo, a cominciare dal fatto che i numerosi colpi ricevuti dalla vittima non sono compatibili con quelle che può dare un minorenne. Tra l'altro la vittima era un pugile anche se praticava questo sport in maniera dilettantistica, era di struttura corpulenta".Inoltre, il 17enne non ha la patente e non sa guidare, eppure l'auto della vittima non è stata ancora trovata. Le indagini proseguono a ritmo serrato.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari