domenica 26 febbraio | 18:20
pubblicato il 18/mag/2013 12:00

Palermo, morto bambino ferito dal padre. Sì a espianto organi

Troppo grave la ferita d'arma da fuoco alla testa del piccolo

Palermo, morto bambino ferito dal padre. Sì a espianto organi

Palermo, 18 mag. (askanews) - Si sono spente nella decisione generosa della madre di espiantare gli organi, le speranze di mantenere in vita il bambino di 7 anni ferito con un colpo di pistola alla testa ieri mattina dal padre, un agente della Questura di Palermo. L'uomo, dopo aver colpito il figlio, ha rivolto l'arma contro di sé ed ha fatto fuoco uccidendosi. Le condizioni del piccolo sono apparse immediatamente gravissime ai medici dell'Ospedale Civico, dove il bambino era stato portato subito dopo la tragedia accaduta a Misilmeri. Dopo un delicatissimo intervento alla testa, stamani i medici della seconda rianimazione del nosocomio palermitano ne avevano dichiarata la morte cerebrale. L'espianto degli organi avverrà nel pomeriggio, e saranno coordinate dal Crt, il centro di riferimento regionale per i trapianti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech