sabato 03 dicembre | 12:44
pubblicato il 17/ott/2011 10:23

Palermo, le mani di Cosa nostra sul traffico illecito di rifiuti

Tre arresti tra cui Giuseppe Liga, reggente del clan Lo Piccolo

Palermo, le mani di Cosa nostra sul traffico illecito di rifiuti

La mani di Cosa Nostra sul traffico illecito di rifiuti a Palermo. I carabinieri del Nucleo ecologico del capoluogo siciliano hanno arrestato tre persone accusate di aver gestito una discarica abusiva causando gravissimi danni ambientali e favorendo gli affari delle cosche mafiose palermitane legate in particolare al clan Lo Piccolo. Tra i fermati c'è anche Giuseppe Liga, noto architetto palermitano, considerato l'erede dei Lo Piccolo e attuale reggente del mandamento di san Lorenzo. Già nel maggio del 2010 i militari avevano sequestrato una discarica abusiva realizzata nei pressi dell'azienda Euteco, appaltatrice di diversi lavori pubblici per la manutenzione degli impianti e delle linee elettriche nella provincia di Palermo, riconducibile ai clan. Nel sottosuolo sono state trovate grandi quantità di rifiuti tossici e speciali, come materiali plastici da imballaggi, batterie al piombo, oli minerali esausti e detriti di vario genere.

Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari