sabato 10 dicembre | 23:49
pubblicato il 01/mar/2011 14:35

Palermo, le "cassette di pesce" erano panetti di cocaina

Sgominato traffico internazionale di droga tra Colombia e Italia

Palermo, le "cassette di pesce" erano panetti di cocaina

Le chiamavano "cassette di pesce", in realtà erano panetti di cocaina, pronti a essere immessi sul mercato a Palermo e Trapani per un business da 30mila euro al giorno. Il traffico internazionale della droga, importata dalla Colombia, via Spagna, è stato sgominato dalla Polizia di Palermo martedì 1 marzo 2011. A capo dell'organizzazione criminale Giuseppe "Giò Giò" Lo Coco, pregiudicato 43enne che, per superare i controlli, aveva studiato un escamotage degno di una fiction televisiva: si fingeva confidente delle forze dell'ordine indicando agli investigatori gli spostamenti di piccole partite di droga permettendo in realtà ai suoi complici di importare e smerciare partite molto più ingenti di circa 10 chili al mese.Determinanti nell'inchiesta le intercettazioni telefoniche e ambientali, come ha spiegato il procuratore aggiunto di Palermo, Maria Teresa Principato.Le indagini, durate circa 2 anni, hanno portato all'arresto di 12 persone tra cui Paolo Liga, nipote del boss Giuseppe Scaduto, capo della famiglia mafiosa di Bagheria.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina