giovedì 23 febbraio | 15:36
pubblicato il 28/ott/2011 15:49

Palermo, lavoratori Poste in piazza: "Più attenzione da azienda"

I dipendenti chiedono il rispetto degli accordi sottoscritti

Palermo, lavoratori Poste in piazza: "Più attenzione da azienda"

Centinaia di dipendenti delle Poste Italiane si sono ritrovati a Palermo, di fronte alla sede regionale dell'azienda, per chiedere una maggiore attenzione da parte dei vertici aziendali, il rispetto degli accordi e l'adeguamento dei sistemi informatici. La manifestazione dei lavoratori, provenienti da tutta la Sicilia, e aderenti alle sigle sindacali di Cisl, Uil, Confsal e Ugl, era stata anticipata da sit-in davanti alle diverse filiali provinciali la sera prima. Giuseppe Lanzafame, segretario regionale di Slp Cisl. Le ragioni della protesta però non sono le uniche a spingere in piazza questi lavoratori come racconta Domenico Rizzo, dipendente delle Poste italiane di CaltanissettaOltre ai dipendenti delle poste a Palermo sono scesi in piazza anche gli studenti con il secondo "Blocchiamo tutto day", che ha mandato in tilt il traffico cittadino.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Sagrantino Montefalco, festeggia 25 anni dalla DOGC
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech