lunedì 05 dicembre | 14:10
pubblicato il 17/ott/2012 13:38

Palermo in emergenza rifiuti: colpa di maltempo e mezzi in avaria

Guasti e pioggia hanno fermato la discarica di Bellolampo

Palermo in emergenza rifiuti: colpa di maltempo e mezzi in avaria

Palermo (askanews) - Palermo come Napoli. Le forti piogge dei giorni scorsi e alcune avarie tecniche su alcune macchine dell'impianto di smaltimento di Bellolampo, stanno mettendo in ginocchio il capoluogo determinando una serie di rallentamenti nelle operazioni di raccolta dei rifiuti. Lungo le strade di Palermo, soprattutto nei quartieri periferici, così, si sono accumulate tonnellate di spazzatura che, con i cassonetti ricolmi, occupano i marciapiedi e parte della stessa carreggiata. I guasti rilevati sulle apparecchiature hanno costretto l'Amia, l'azienda che gestisce il ciclo dei rifiuti nel Palermitano, a chiudere la discarica in attesa dell'intervento delle ditte di manutenzione. Riguardo alla quinta vasca della discarica, ferma da 2 anni e di recente sottoposta a sequestro dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico, invece, i commissari straordinari dell'azienda hanno sottolineato che già prima della consegna, avvenuta nel 2010, furono segnalate alle autorità competenti delle criticità che, puntualmente, si sono verificate con frane sul fronte dei rifiuti, immediatamente segnalate anche alla Procura della Repubblica.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari