martedì 21 febbraio | 09:31
pubblicato il 13/apr/2011 15:44

Palermo, in arrivo pedaggio da 1,5 euro per entrare o uscire

Cittadini protestano, l'assessore regionale è contrario

Palermo, in arrivo pedaggio da 1,5 euro per entrare o uscire

Da maggio, per entrare e uscire da Palermo o raggiungere l'aeroporto "Falcone e Borsellino", bisognerà pagare un pedaggio di 1,5 euro. La decisione, contenuta in un decreto del presidente del Consiglio, riguarderà 425 chilometri di autostrade gestite dall'Anas, in primis la A29 per Mazara del Vallo e la A19 che collega Palermo con Catania. Una notizia che ha suscitato malumori tra i cittadini, soprattutto quelli che vivono nell'hinterland, già travolti dall'emergenza rifiuti: dovranno pagare 3 euro al giorno.Contrario alla decisione l'assessore regionale siciliano alle Infrastrutture e alla mobilità Pier Carmelo Russo, che il prossimo 21 aprile incontrerà il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli per discutere della vicenda. Per il pagamento non saranno installati caselli all'ingresso della città, ma sistemi di rilevazione automatica che sfrutteranno un bollino magnetico sul parabrezza.

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia