domenica 26 febbraio | 09:20
pubblicato il 19/giu/2014 12:00

Palermo, gonfiavano buste paga: arrestati 11 dipendenti comunali

Bufera giudiziaria sulla società di servizi partecipata Coime

Palermo, gonfiavano buste paga: arrestati 11 dipendenti comunali

Palermo, 19 giu. (askanews) - Una bufera giudiziaria si è abbattuta sul Coime, l'azienda di servizi partecipata del Comune di Palermo. Undici dipendenti infatti sono stati arrestati dai carabinieri con l'accusa di aver intascato somme di denaro non dovute attraverso la modifica o l'alterazione delle buste paga. Per loro, a vario titolo, sono scattate le accuse di associazione a delinquere finalizzata al peculato, falso e accesso abusivo a sistema informatico. L'ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip di Palermo su richiesta della Procura. Le indagini, scattate nel 2011, hanno accertato l'esistenza di un complesso meccanismo per portare a compimento la frode. Maggiori particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa prevista per le 10,30 alla Palazzina M del Tribunale di Palermo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech