giovedì 08 dicembre | 17:33
pubblicato il 18/mag/2012 13:04

Palermo, frode milionaria a Fisco da trasportatori vicini a mafia

Cartello di autotrasportatori inquinava il settore

Palermo, frode milionaria a Fisco da trasportatori vicini a mafia

Palermo, (askanews) - Un cartello di cooperative inquinava il sistema degli autotrasporti siciliano. Una maxi frode scoperta dalla Guardia di finanza di Palermo che ha sequestrato 5 cooperative e un lungo elenco di beni: 99 automezzi adibiti a trasporto merci, 10 autoveicoli, poi terreni agricoli, 17 immobili e rapporti bancari per valore complessivo superiore a 62 milioni di euro, pari alle imposte evase. A questi vanno ad aggiungersi fatture per operazioni inesistenti per 120 milioni di euro. Erano oltre 180 i "padroncini" che operavano senza pagare le imposte e più di 1.000 i lavoratori impiegati in diverse aziende sul territorio siciliano ma formalmente assunti dalle cooperative che poi non versavano i contributi previdenziali ed assicurativi. Fra i soggetti coinvolti ci sono anche persone già arrestate per mafia e almeno due aziende che hanno avuto a che fare col giro di fatture false, riconducibili ai fratelli Graviano, i boss di Brancaccio.

Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni