domenica 11 dicembre | 09:10
pubblicato il 20/feb/2014 10:08

Palermo: cosa nostra infiltrata nel mercato. Sequestro Dia (1 update)

(ASCA) - Palermo, 20 feb 2014 - Una 'regia occulta' della mafia dietro il mercato ortofrutticolo di Palermo. L'ha messa in luce la Dia del capoluogo siciliano che - a seguito di una complessa indagine disposta dal direttore della Dia, Arturo De Felice - ha concluso un maxi sequestro di beni dal valore di oltre 250 milioni di euro.

Obiettivo dei provvedimenti - riferisce una nota - i patrimoni di cinque titolari di vari stand all'interno del mercato ortofrutticolo, tutti palermitani, ritenuti vicini e contigui a 'cosa nostra', in particolare alla nota famiglia mafiosa dei Galatolo. I destinatari del sequestro - si legge nel comunicato - ''monopolizzavano l'attivita' del mercato palermitano anche attraverso l'utilizzo dei servizi forniti dalla cooperativa 'Carovana Santa Rosalia' (compravendita di merce, facchinaggio, parcheggio, trasporto e vendita di cassette di legno e materiale di imballaggio)''.

Sulla base degli elementi raccolti, la Dia configura una ''regia occulta all'interno del mercato ortofrutticolo palermitano'' capace di: prestabilire il prezzo dei beni posti in vendita, cui gli operatori del settore dovevano uniformarsi; controllare il trasporto su gomma da e per la Sicilia occidentale ed i principali mercati di approvvigionamento delle derrate alimentari, ubicati in centro Italia; gestire le attivita' connesse al commercio svolto all'interno del mercato stesso, ad opera di 'cosa nostra'.

A quest'ultima gli investigatori attribuiscono ''il totale controllo di un importante settore economico locale, provocando da un lato una grave distorsione del mercato ed eliminando, di fatto, qualsiasi forma di concorrenza con la conseguente imposizione dei prezzi, garantendo all'organizzazione criminale, la possibilita' di conseguire ingenti guadagni attraverso attivita' solo apparentemente lecite''. Conclusioni, queste, suffragate dalle ''convergenti dichiarazioni rese da numerosi collaboratori di giustizia''.

Non solo. In base alla ricostruzione degli inquirenti, ''l'immissione di denaro di sicura provenienza illecita, non si e' limitato all'acquisizione di attivita' commerciali 'lecite' ma ha 'occupato' interi settori del terziario, strettamente legati alle attivita' di vendita dei prodotti ortofrutticoli all'interno del locale mercato''.

Da precedenti ordinanze di arresto emesse - tra il 2005 e il 2010 - dal Gip di Napoli, la Dia di Palermo ha tratto ulteriori elementi di conferma della sua ipotesi investigativa di infiltrazioni mafiose nel settore ortofrutticolo: agli indagati dalla magisratura partenopea - incluso il fratello di Toto' Riina, Gaetano - veniva infatti gia' allora contestato, tra l'altro, di controllare il trasporto su gomma da e per i mercati ortofrutticoli di Fondi, Aversa, Parete, Trentola Ducenta e Giugliano e, da questi, verso quelli del sud Italia, interessando, in particolare, i mercati siciliani di Palermo, Catania, Vittoria (Rg), Gela (Cl) e Marsala (Tp).

E' in questo quadro che e' scattato il maxi sequestro, dopo che dalle indagini Dia e' emersa anche una totale sperequazione tra i redditi dichiarati dai cinque soggetti interessati ed i beni da essi posseduti. I sigilli sono infatti scattati per 20 immobili (terreni, appartamenti e box); 13 aziende; 14 veicoli; numerosi rapporti finanziari.

com-stt/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina