mercoledì 22 febbraio | 21:14
pubblicato il 30/mag/2011 11:41

Palermo, Cosa nostra dietro i lavori della metro. Un arresto

E' imprenditore citato nei pizzini di Lo Piccolo a Provenzano

Palermo, Cosa nostra dietro i lavori della metro. Un arresto

L'ombra di Cosa nostra si stende sui lavori per il raddoppio del passante ferroviario di Palermo. La Dia del capoluogo siciliano ha arrestato l'imprenditore Andrea Impastato. 62 anni, di Cinisi Impastato gestisce una cava nel palermitano, ed è accusato di avere gestito affari ed aziende nell'interesse dei vertici di Cosa nostra. Il suo nome è citato in un pizzino inviato dal boss di San Lorenzo, Salvo Lo Piccolo, a Bernardo Provenzano.Nel pizzino, ritrovato il giorno dell'arresto del super boss nel 2006, Lo Piccolo chiedeva al padrino corleonese se avesse interesse a far lavorare qualche azienda di calcestruzzi in un'opera dall'appalto di quasi un miliardo di euro. Impastato, sarebbe dunque un vero e proprio punto di raccordo in grado di mantenere i contatti tra le aziende "protette" fornitrici dei materiali.

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech