lunedì 23 gennaio | 12:30
pubblicato il 25/mag/2011 14:31

Palermo, corruzione Monopoli, Ingroia: servono riforme politiche

Messineo: "Questa è solo la punta dell'iceberg"

Palermo, corruzione Monopoli, Ingroia: servono riforme politiche

La mafia si muove sempre di più in ambienti finanziari e quindi aumenta esponenzialmente la sua capacità corruttiva. E'la conclusione tratta dal procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia dopo l'operazione della Dia che ha portato all'arresto per corruzione aggravata di 10 persone, fra cui funzionari e impiegati dei Monopoli di Stato di Palermo.Il procuratore della Repubblica di Palermo, Francesco Messineo sottolinea che questa operazione è solo l'inizio.Dalle indagini è emerso che i funzionari venivano corrotti con tangenti, ma anche con cene, escort e viaggi.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
In Sicilia i corsi per aspiranti Master of Wine
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4