giovedì 23 febbraio | 15:59
pubblicato il 03/dic/2013 12:00

Palermo, confiscati beni per 160 mln ad esponenti cosca Carini

Il provvedimento ha interessato ville, società e conti correnti

Palermo, confiscati beni per 160 mln ad esponenti cosca Carini

Palermo, 3 dic. (askanews) - Un ingente patrimonio, costituito da diverse imprese e relativi complessi aziendali, quote societarie, fabbricati, terreni, autoveicoli e disponibilità finanziarie, del valore di 160 milioni di euro, è stato confiscato dalla Guardia di Finanza di Palermo, su disposizione della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo. Il provvedimento di confisca di primo grado ha riguardato un esponente di spicco della famiglia mafiosa di Carini ed un imprenditore ritenuto vicino alla cosca. Il primo, cinquantasettenne originario di Torretta, è stato tratto in arresto nel 2006 e condannato nel 2007 a 10 anni e mesi 7 di reclusione per aver curato gli interessi della famiglia mafiosa di Carini. Nel corso degli anni, l'uomo si è avvalso di numerosi prestanome ai quali aveva intestato il proprio patrimonio illecito. L'altro soggetto destinatario, cinquantunenne originario di Carini, è un imprenditore considerato contiguo alla stessa famiglia mafiosa, sottoposto nel 2013 a sorveglianza speciale per due anni. Arrestato nel gennaio 2007 con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e condannato per questo reato nel 2009, nel tempo ha acquistato numerosi immobili e terreni, in misura non proporzionata rispetto alle sue fonti di reddito ufficiali e dichiarate, e quindi considerati il reimpiego di proventi di origine illecita. Tra i beni confiscati dalle Fiamme Gialle figurano anche due lussuose ville del valore complessivo di circa un milione di euro, formalmente di proprietà di un prestanome. Tra gli altri beni confiscati, sono comprese anche 4 società e relativi complessi aziendali, quote societarie, 3 ditte edili, ditte di elettrodomestici e abbigliamento, 3 opifici commerciali, 6 autoveicoli, 29 fabbricati e 43 terreni tra le province di Palermo e Trapani, nonché diverse disponibilità finanziarie, fra cui rapporti bancari e polizze vita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
L'Italia del vino chiude 2016 con record vendite in Cina
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech